sabato 30 agosto 2008

Nuove frontiere in attesa di...

Questa mattina ho sperimentato nuove frontiere, non avendo ancora dei dati sulle distanze più brevi come il km secco e i 3km, mi sono cimentato in quello che potrei anche definire le mie prime vere ripetute (4x1000), si lo so, dovrei cominciare con distanze inferiori ma la curiosità di misurarmi in questi due kilometraggi mi affascinava. Ho cominciato con 1 km di riscaldamento senza rilevare il tempo, poi ho smanettato (per modo di dire) i primi 1000m in 4’19”, riposo passivo per 1 km e via per gli altri 3000m con parziali di 4’47” – 4’58” – 4’45” - - media 4’50”e ho finito con 1 km di defaticamento in 5’33”. Buone sensazioni nel complesso per essere stata la prima volta che ho imposto un ritmo sostenuto alle mie gambe e al resto della macchina, anche se la fatica alla fine si è fatta sentire, ma dite che potrebbero aver contribuito i 2etti e mezzo di fiordilatte di ieri sera? Conclusione: totale 6km corsi allegramente in attesa di domani dove mi sono posto l’obiettivo di ricorrere quei 15km che fino ad ora fanno parte del mio breve bagaglio podistico una volta sola e realizzati 15 giorni addietro… e perché no, cercare anche di aumentarli…e non dico altro, ma se starò bene i famosi 21 e 97 potrebbero venirmi incontro… ma accontentiamoci di quel che verrà.

3 commenti:

Alessandro ha detto...

Direi che hai fatto un ottimo allenamento. I 21 Km e 97 ? Se li faccio io.... sono certamente alla tua portata!

Alvin ha detto...

Daniele, per il discorso mezza son daccordo con Alessandro, se riuscissi a partir piano e senza tante ambizioni cronometriche, la tua prima mezza potresti portartela a casa in autunno, per quanto riguarda le ripetute il mio consiglio è questo: Minimo 3km di riscaldamento a ritmo blando prima di farle, e il recupero: se lo fai corricchiato,un buon ritmo sarebbe sui 60 secondi in più del tuo ritmo gara, diventa anche allenante, ma siccome son le prime, sei più che perdonato, il recupero fallo pure a sensazione, altra cosa, io sono abituato a fare tre semplici esrcizi di stretching tra il riscaldamento e le ripetute,uno per stirare un po' il quadricipite della coscia (in piedi ginocchio piegato dietro con mano che tira sulla punta del piede) uno per allungare un po' i "flessori posteriori" gamba dritta con angolo un po inferiore ai 90° poggiata su una panchina per esempio e poi un altro per allungare un po inguine e polpacci, io li faccio tenendo 20 secondi per gamba ogni esercizio, mi raccomando deve esser leggero, devi sentire tirare appena appena; prova, quando riparti sei un treno!

Danirunner ha detto...

Hai ragione Alvin ma lo stretching lo faccio sempre, essendo stato in tutta la mia vita uno sportivo e lo sono tuttora, conosco le problematiche dei vari infortuni muscolari anche se devo ammettere che non mi piace molto farlo. Per quanto riguarda invece il programma di sabato, non erano delle proprie e vere ripetute ma solo tentativi per avere dei tempi sul km secco e sui 3000m, distanze che non avevo mai provato e che mi incuriosivano e non avendo seguito un buon riscaldamento (qui concordo), probabilmente avrei potuto fare ancora meglio, ma ne ero consapevole. Quando farò delle ripetute degne di cotanto nome mi atterrò (se riuscirò) al galateo.