domenica 21 settembre 2008

Evviva si corre...

Finalmente si corre, dopo 4 giorni ho rimesso le scarpette; bella mattina, non troppo fredda e non troppo calda, anche se l’umidità rimane altina (70%) alle 8 e 30. Non avevo idea di quello che avrei fatto, come mi sarei comportato, di sicuro sapevo di correre i primi 3 km con le orecchie tese ai miei polpacci ad auscultare qualsiasi scricchiolio. Memore dei consigli dei miei “tutor”, calmino parto, le sensazioni sono buone anche se al secondo km qualcosina avverto dal polpaccio dx, monitoro l’intensità e l’evolversi del fastidio, ma rimane tale, un leggero fastidio e basta. Come al solito la mia presunta e buona volontà di rispettare i ritmi barcolla e il Garmin mi avverte che i primi 3 km li ho corsi in 5’22” – 5’29” – 5’18” l’idea iniziale era di un riscaldamento un po più tranquillo, va beh. Accelero, fiato e gambe sono sufficientemente registrate, i 4 giorni si fanno sentire ma non più di tanto. Il “ritmo della vita” mi dice di provare ad iniziare (su invito di tanti ma soprattutto di Mic, di qualificare i miei allenamenti e di lasciare da parte per qualche periodo le lunghe distanze a me tanto care e da me tanto agognate. Con grande mio stupore corro i 3 km successivi ad un ritmo finora mai provato e li chiudo in 4’28”/km. Senza progettarlo ho corso così i miei 3 km più veloci WOW. Facendo quattro conti buttando un occhio sul mio “compagno di viaggio” continuo con un buon ritmo perché l’occasione di migliorare anche i 10 è ghiotta e cosi dal 49’ alto, scendo al 49’ basso, 49’15”. Per finire l’ottima seduta di allenamento, post time out, corro per la prima volta i 12km sotto l’ora. Adesso i polpacci sono un po indolenziti, ma credo sia normale, le sensazioni però sono diverse da martedì. FINE

  • 3 km (5'23"/km) Riscaldamento
  • 3 km (4'28"/km) RG
  • 3 km (5'15"/km) RL
  • 3 km (4'51"/km) RM

  • 3 km - 13'23"

  • 10 km - 49'15"

  • 12 km - 59'25" media 4'57"/km

10 commenti:

R. Davide ha detto...

Benissimo!!!!

GIAN CARLO ha detto...

Devi essere il dottore di te stesso, se hai sentito che andava OK
La prestazione non mi stupisce, dopo 4 giorni di riposo eri scarico giusto per andare forte.
Non voglio fare il rompip... ma attenzione, a farsi male ci vuole poco...Mic ha ragione che per migliorare serve la qualità, ci mancherebbe, ma anche li è come il discorso della distanza bisogna salire gli scalini uno ala volta.

Danirunner ha detto...

@gian carlo, hai ragione e rompi pure…anche se, scusa ma mi tocco. Comunque sto cercando di gestirmi, te lo giuro; un minimo di esperienza in questi mesi me la sono costruita, alcuni accorgimenti li adotto, le ansie le vivo, le attenzioni non sono certamente trascurate, ma oggi lasciami gioire, domani è un altro giorno e vedremo, chissà, può anche darsi che questa notte vado a dormire e puff, domani non mi alzo più. Sono fatto così, credimi, in vita mia ho cambiato varie volte la strada e ogni volta ho scelto quella che mi desse le emozioni sportive più forti e adrenalina da vendere per poter vivere giornate come queste, con soddisfazione. Ho sbattuto la testa alcune volte, mi sono sentito dire “te l’avevo detto” cosa devo fare…sparatemi!!!

Furio ha detto...

Dani, personalmente inizierei con dei progressivi ordinati, tipo
8/10km (non 12 per iniziare) 50% dei km a Fondo Lento, 30% Fondo Medio e 20% Corto Veloce.
Sull'ora (in piano, su strada e dopo un ciclo di scarico) dovresti valere una velocità di soglia anaerobica vicina ai 13km/h.
Tradotto in numeri i ritmi dovrebbero essere di circa FL=5'10"/5'15" FM=4'50"/4'55" CV=4'36"/4'45".
Questo per te che corri da pochi mesi è già un signor lavoro, da fare solo 1 volta a settimana ed il resto lenti.
Dopo un po' potresti iniziare ad alternarlo (una settimana si ed una no) ad un fondo medio di 8/10km (..sempre per iniziare).
Per dirla tutta il lunghissimo(oltre 1.20'/1.30') dovresti correlo solo ogni due settimane e vedrai che le gambe inizieranno a volare....con il passare dei mesi poi potresti nella settimana che non fai il lunghissimo metterci pure o delle variazioni di ritmo a sensazione o un bel corto veloce...ma corriamo troppo ;-) ciao

Danirunner ha detto...

Grazie Furio, mi piace molto questo programma, penso proprio che lo seguirò, credo che sia ora di dare un senso ai miei sforzi.

albertozan ha detto...

Stupefacente il programmino di Furio, mi limito a dire che t'avevamo detto...rigenerato!!! Vai Dani

GIAN CARLO ha detto...

Su quello che ha detto Furio il mio appoggio è al 100%

La Polisportiva ha detto...

Ma...guardavo "I miei record": come fai a determinare così precisamente la soglia anaerobica "Soglia anaerobica: 12,120 km/h - 4'57''/km"??? Test conconi, 10.000m. o che altro??
Ciao!

Danirunner ha detto...

Beh probabilmente mi sono allargato troppo, sono nuovo di questo mondo, da qualche parte ho letto del calcolo su un 1h di corsa al massimo delle propire possibilità ed io avendo questo risultato ho pensato di proporlo. Faccio mea culpa!!!)))

Furio ha detto...

@Dani
Ma prego, figurati sono contento se riesci a tirarti fuori dal circolo vizioso di aumentare esponenzialmente i km.
E' assodato che le capacità di reggerli le hai, ma alla "lunga" ci si fa male di sicuro.
Vedrai che correre così è comunque divertente ed i progressi sono maggiori ;-)
@Albe
Dai Alberto, è un semplice schema tipo che usiamo un po' tutti; va benino anche nel periodo invernale quando si rallenta, ma in cui non bisognerebbe perdere troppo...magari un collinare a settimana ci starebbe anche.
@Gian Carlo
Dai fra qualche anno se mi vorrai ti farò da vice Mister ;-)