lunedì 27 luglio 2009

CAMBIO INDIRIZZO!!!



Il nuovo blog!
http://dani-half-marathon.blogspot.com

Invito tutti gli amici che hanno il mio link di sostituirlo col nuovo, GRAZIE

Daniskyrunner rimarrà cmq un mio spazio e col tempo deciderò cosa farne!

domenica 26 luglio 2009

Ottimo allenamento e allegra serata!


Grazie Beppe per avermi segnalato e poi convinto ad essere presente alla Camminata di S.Anna a Besozzo, 31^ edizione, che tra le altre cose è stato anche il mio esordio al Piede d’Oro.

Di gare fino ad ora ne ho fatte pochissime (1^ anno di carriera!!!); contando il 5000 in pista nella gara sociale di Busto Arsizio, ieri sera era la 12^ volta che mi accingevo a vivere quei 30/40 minuti ricchi di quella miscela particolare composta di fatica e adrenalina, e che dall’inizio alla fine ti regalano sensazioni particolari.

Senz’altro delle 12 è stata la più bella, non tanto per la mia prestazione cronometrica, 151^ su 500 partenti, 37’03” per completare gli 8 chilometri e 130 metri segnalati dal mio gps e con una media di 4’33”/km, ma per la bellezza del tracciato, panoramico e non certamente monotono; duro al punto giusto ma senza sfiorare il masochismo di alcune gare dalle pendenze improponibili (anche se leggendo lo Sport Tracks scopro un 18,5% al culmine della parte più tosta!), che per il sottoscritto, varesotto di pianura, morfologicamente parlando, ma anche e soprattutto per gusti personali, cultore del piano stradale e delle famose road americane stile Forrest Gump, sarebbe stato eccessivo.

Mi sono presentato a Besozzo non certamente per rincorrere il “fantastico 4” ma per affrontare le caratteristiche di un allenamento che manca al mio bagaglio podistico, le salite.
E le salite ci sono state: brevi e lunghe, dalle pendenze normali a quelle più ostiche. Le temevo! Ma alla fine mi sono scoperto e con soddisfazione, più malleabile a questi ostacoli di percorso, che per il mio convincimento podistico sono messi lì solo per rallentare la corsa esaltante dell’atleta, che non a quello che ne consegue. Mi sono stupito nel constatare che al primo accenno di cambio di pendenza vero, persone che viaggiavano fin lì col mio passo (4’10”) si siano subito messi a camminare, senza nemmeno tentare una parvenza di corsa a passi brevi e cadenzati, come dovrebbe essere affrontata una simile caratteristica del tracciato per chi non ha nelle gambe andature più competitive.
Non bisogna essere certo una fonte di intelligenza nel capire che se una competizione non viene classificata come gara di sola salita che per tornare al punto di partenza ci siano pure le discese, e che discese! Come diceva Battisti, “le risalite e le discese ardite”, vero spauracchio di tutti i runners, ecco quelle mi hanno lasciato il segno, questa mattina i quadricipiti si sono svegliati un attimino affaticati, ma cmq nella normalità degli acciacchi di chi corre con le proprie gambe e soprattutto non frequentatore abituale di certi percorsi.

Bene! Ora inizia quel periodo che per la maggioranza degli italiani rappresenta il riposo tanto meritato dopo l’anno di lavoro, e da quello che sentivo nel consueto “salamella party” a proposito! (comunicazione interna per l’amico Beppe) ma non ci dovrebbe essere il pasta party nel dopo di una gara? La quasi maggioranza dei podisti si ritaglierà così anche un periodo di relax dalle fatiche corsaiole.
Per quanto mi riguarda invece inizia un periodo di lavoro duro fatto di salite e di qualche gara extra territoriale (in Piemonte il Gamba d’oro non si ferma) e poi forse! a meta Agosto inoltre potrei prendere il via ad una gara affascinante e dura allo steso tempo, ma non svelo ancora nulla anche se qualcuno potrebbe immaginarlo! Vediamo come vanno questi 20gg che la precedono.

Come ad Arsago Seprio il dopo corsa l’ho vissuto in allegra compagnia di Beppe (ieri 9^ all’arrivo, fruitore alla fine di un "bel premio" e sempre più Piede d’Oro) e degli amici dei Runners Quinzano, chiacchierando e disquisendo sui vari aspetti e problematiche del nostro mondo sportivo. Ma dov’era Mario?

Per la cronaca della corsa, quella vera! fatta dai primi, per la classifica, quella che conta, oltre alle impressioni personali sulla serata di Besozzo, dirottatevi nel blog di BEPPE - Giuseppe BOLLINI!
Senza dimenticare le news e le classifiche pubblicate da Matteo Raimondi, Antonio Puricelli sul sito dell’Atletica Casorate e di Antonio Capasso sul suo blog.
Mentre per il reportage fotografico della gara servitevi del blog della Runners Quinzano.
Concludo con una piccola critica alla mia società: A.R.C. Busto Arsizio e agli atleti stessi! ieri sera era gara sociale, bene! eravamo in 4! pare che lo sapessi solamente io! Inoltre non era presente nessuno a ufficializzare il tutto! Calendario Giugno-Luglio recapitato via mail e ulteriore avviso sempre via mail 10gg fa … ma probabilmente molti non hanno internet!!!
Alla prossima

venerdì 24 luglio 2009

Ci sono anch'io!!!

Beh che dire! Quando si arriva a commentare una gara e una festa come lo è stata quella di ieri sera ad Arsago Seprio, dopo che gli amici: Beppe, Mario (CORSAMICA), Matteo e Antonio Puricelli hanno già evidenziato con maestria: soggetto, sceneggiatura e regia, l'avvenimento podistico, al sottoscritto non resta che sottolineare alcune scene andate in onda nella bella serata di fine Luglio, tappa finale del trofeo Corri con Pu.Ma.
Ma soprattutto quando si torna tardi alla sera dopo la gara e il mattino seguente si esce di casa alle 7.30 per farvi ritorno alle 18:30 e scrivere il post quando ormai tutti sono già proiettati verso la prossima di Besozzo ...
beh che aggiungere a tutto ciò ...

Per quanto riguarda la mia prestazione ho solo un aggettivo: scialba! È stata una prova incolore su di un percorso veloce e nervoso, anche se alla fine l’86esima piazza su circa 350 partecipanti non mi sembra poi così da buttare.
La cosa mi ha stupito non poco, tenendo conto di aver realizzato una media di 4’17”/km, poco soddisfacente, mi sarei aspettato una posizione peggiore. L’unica spiegazione che mi viene da dare sarebbe quella di considerare la qualità dei miei antagonisti non eccelsa, non tanto trai primi, visto il parterre alla partenza: Brambilla, Demuru, vincitore del circuito Corri con Pu.Ma, Giordano Piffero e Paolo Bassetto, e non ultimo l’amico Matteo Raimondi, giunto secondo, ma più che altro la scarsità di gente dal passo intorno ai 4’, poco sopra o poco sotto.
Ma i riflettori hanno evidenziato il meglio del dopo corsa, ricco spazio gastronomico onorato e reso ancor più prestigioso dalla bella presenza dei bloggers: Mario di Corsa Amica, autore dellle immagini: fotografiche e filmate della serata, Beppe di PlayBeppe, il piede d’oro in persona! Matteo Raimondi, brillante atleta, nonché eccellente testimone con i suoi racconti sempre coinvolgenti e mai banali, Antonio Propato dei Runners Quinzano, quelli dell’asinello! gruppo appassionato e onnipresente; insomma gente che con i loro racconti e immagini fotografiche contribuiscono a testimoniare lo spirito sportivo ma soprattutto di amicizia che regna nella stramaggioranza dei runners di casa nostra.
Senza dimenticare inoltre lo spirito organizzativo e di informazione del giorno dopo che contraddistingue Antonio Puricelli, artefice delle corse a tappe nella nostra provincia.

Cmq l’amico Beppe mi ha convinto e domani sarò anch’io della partita in quel di Besozzo! Sarà il mio esordio nel “Piede d’Oro”.
Sono stato breve, ma spero di avere molto di più da raccontare domenica mattina.
La fotografia sopra è by CORSAMICA

Alla 1^ CORRIARSAGO - "Corri con Pu.Ma"

Telegraficamente parlando!
Il mio piazzamento: 86^
Il mio tempo: 24’41” (4’17”/km)
Il mio commento: APPENA POSSIBILIE!

Le fotografie:
CORSAMICA
Classifiche e commento della gara: Atletica Casorate
News e commento della propria gara: Il Blog di Matteo Raimondi
Altro commento alla propria gara: Il Blog di
PLAYBEPPE

domenica 19 luglio 2009

A Vinago si è corso!

Meteo favorevole, sole e temperatura ideali! hanno accolto i numerosi appassionati che hanno dato vita a Vinago, frazione di Mornago, alla 33^ “Camminata campestre”, valevole come 22^ tappa del Piede d’Oro.

Avendo svolto ieri pomeriggio il mio dovere da “runner apprendista” (impegnandomi sulla ciclo pedonale che costeggia il Naviglio Grande nei pressi di Castelletto di Cuggiono, Bernate Ticino e Robecchetto con Induno), in un soddisfacente fartlek (8x3’ rec. 1’30”), con le frazioni veloci corse alla media di 4’03” al km e quelle lente a 4’51”. Oggi mi sono divertito ad impersonare le vesti del “fotografo apprendista”, come avete capito sono apprendista in tutto!

Se non corro, fotografo! Fotografo per il mio blog e per tutti quegli amici e non, che hanno come il sottoscritto, la passione viscerale per le corse a piedi!
Questo mi sono detto un mese fa!

Ed eccomi oggi! alla prima in quel di Vinago.
Ambiente rilassante e accogliente nella sua semplicità, dove ho immortalato per quel che ho potuto, la soddisfazione di centinaia di appassionati, visibile sui loro volti all’arrivo, seppur mascherata dalla fatica, i quali hanno affrontato il tracciato disegnato dagli organizzatori nelle campagne e nei boschi della zona, percorso reso ancora più difficile e avventuroso dalle piogge abbondanti di questi giorni e cmq modificato nelle ultime ore per la sicurezza dei partecipanti.

Volti conosciuti e altri per me nuovi, quelli familiari del Giro del Varesotto e delle gare svolte fin qui a cavallo tra le province di Milano e Varese, oltre a 3/4 atleti della mia stessa società! (A.C.R Busto) e nuovi, quelli che frequentano soprattutto le numerose gare del circuito PSV. Ambiente quest’ultimo che mi ha destato una buona impressione sotto il profilo della serenità che aleggiava negli attori stessi della manifestazione, concorrenti e organizzatori, insomma, tutti quei requisiti che deve avere una “non competitiva”. Credo proprio che parteciperò a qualcuna di queste gare entro l’anno.

Devo dire immediatamente che come esordio non sono stato di certo agevolato dalla bella giornata di luce. La troppa luce e il sole ancora giovane nel cielo terso del primo mattino, mi hanno sorpreso e messo in “leggera” difficoltà a causa delle ombre sui volti e soprattutto in quelle zone dove gli alberi e la fitta vegetazione la facevano da padrona, vedi zona arrivo e dove, il mio mancato decisionismo alla premiazione, o solo accennato, nell’invitare a fare quel passo in avanti ai premiati per uscire dall’area oscura del gazebo! Studierò ragazzi, studierò!!!

Incontro graditissimo, con scambio di opinioni sulla giornata e sugli appuntamenti futuri, con gli amici bloggers: Matteo (Matteo Raimondi, ottimo 2^ all’arrivo) e Beppe (Giuseppe Bollini, giunto 8^ assoluto, 5^ nella classifica del Piede d’Oro e 2^ di categoria).

In ultimo vorrei segnalare l’ennesima vittoria della forte portacolori dell’Atletica Casorate, Silvia Murgia, moglie di Antonio Puricelli, noto organizzatore di numerose manifestazioni di successo, una su tutte, Il Giro del Varesotto e ultimamente anche il nuovo circuito “Corri con Pu.Ma”.

Per dei commenti più dettagliati della gara, avendola vissuta in prima persona e nel “vivo” (leggi prime posizioni), oltre agli aneddoti personali e alle classifiche complete, vi rimando ai blog degli amici: Il Blog di Matteo e PlayBeppe.

sabato 18 luglio 2009

101 CORSE DA CORRERE “PRIMA DI MORIRE”

Dal sito della Trentino Eventi - Associazione Sportiva Dilettantistica

La Garda Trentino Half Marathon è stata inserita questa settimana da RunAbroad.com fra le 101 gare da correre prima di morire. Potete trovare la ns raccomandazione sul sito http://www.runabroad.com oppure http://www.runabroad.com/search/label/italy
“101 corse da fare prima di morire” è una newsletter conosciuta inviata da RunAbroad.com, principalmente rivolta a corridori europei.


Alla scoperta del Basso Sarca, terra di olivi, vino e carne salada. Proprio l’abbinamento tra lo sport e l’enogastronomia è la caratteristica peculiare di questa manifestazione d’autunno. Quanto l’insolito connubio proposto dalla Garda Trentino Half Marathon sia sempre più gradito agli appassionati lo testimonia il numero dei partenti, che ogni anno lievita sorprendentemente rispetto all’edizione precedente. Da provare.

Per quanto mi riguarda la "Garda Trentino Half Marathon" quest'anno non è inserita nei miei programmi, ma non vi sono dubbi che in futuro farà parte dei miei desideri podistici! Naturalmente prima di morire!

giovedì 16 luglio 2009

Fin su all'Alpe Lusentino!

Raccolgo l’invito dell’amico Luciano (LUCKY_73) per segnalarvi che domenica 19 Luglio a Domodossola avrà svolgimento la Domo – Lusentino 3^ Memorial Ornella e Paola; una gara di sola salita che vedrà la partenza da Piazza Mercato (270 s.l.m.) e raggiungerà le località di Castanedo, Vagna, Prata, Alpe Ciupata, per poi raggiungere l’Alpe Lusentino dove ci sarà l’arrivo a quota (1100 s.l.m.).
LUNGHEZZA: Percorso di 5200 m circa.
DISLIVELLO: 820 m


Quota di iscrizione: 5 € per ogni atleta, da versare al momento del ritiro dei pettorali

Per maggiori informazioni visitate la parte del sito dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Caddese che riguarda la manifestazione.

lunedì 13 luglio 2009

Arsago Seprio e Vinago

Con la 1^ edizione della “CORRIARSAGO” si conclude giovedì 23 Luglio il mini circuito “CORRI CON PU.MA” il quale ha visto la luce anch’egli quest’anno.
L’idea di Antonio Puricelli di creare questo nuovo circuito sull’onda del successo del Giro del Varesotto ha raccolto altrettanto consensi, se è vero che nelle tre tappe fino ad oggi disputate: Gorla Maggiore, Coarezza e Rovate, la media dei partecipanti è stata molto alta (400 iscritti). Tenendo inoltre in considerazione che alcune di queste erano concomitanti con manifestazioni non certo di poco valore, una su tutte: Ossona! nella stessa serata di Rovate, ecco che possiamo giudicare il primo anno del nuovo circuito in maniera senz’altro positivo. Altra coccarda da poter conferire a questa iniziativa è quella di avere riportato in auge due manifestazioni che per motivi differenti negli ultimi anni non hanno avuto molta fortuna: Gorla Maggiore addirittura l’anno scorso non aveva avuto svolgimento e Arsago Seprio da alcuni anni era uscita dal calendario provinciale. Puricelli cmq promette per l’anno prossimo novità accattivanti.


Se volete avere qualche notizia in più sulla 1^ edizione della "CORRIARSAGO" leggete QUI!

Mentre per ulteriori informazioni sulla manifestazione contattate: Sig. Carniel tel. 0331/769489 ore pasti – Sig. Togniella tel. 339/2480843 pro loco – Sig. Mariarosa tel. 0331/769436 negozio.

Invece Domenica 19 Luglio avrà svolgimento la 33^ edizione della “CAMMINATA CAMPESTRE” (partenza ore 8,30 - km 9,5 e 5,4) organizzata dalla Polisportiva di Vinago e che si correrà sui sterrati ondulati e immersi nel verde del paese stesso e della zona circostante. 22^ tappa del Piede d’Oro – PSV – Podismo Sportivo del Varesotto.
Informazioni: Macchi Massimiliano 0331 904319 - Giotta Luigi 0331 903291 mail:
polisportivavinago@libero.it

sabato 11 luglio 2009

Meglio di così!!!

Benino! Bene! Anzi benissimo! La mia prima Jack Pot Run è in archivio e già ne sento la mancanza. Si è svolto tutto alla meraviglia: organizzazione, ottima la logistica compresi i parcheggi, meteo e "incontri socializzatori". Ieri sera ho conosciuto anche l’amico blogger di Corsa Amica! mi è sfuggito solo Matteo incrociato durante il riscaldamento e salutato velocemente “quello veloce era lui naturalmente!”

Percorso sprint quello di Magnago come veniva presentato da più parti è lo è stato senza dubbio, anche se per il mio personalissimo parere quei 250m circa (x 2 giri) di sterrato composto da sassi abbastanza grossi, dove il piede in alcuni appoggi rotolava insieme a loro, non sono proprio la componente per un tracciato super veloce. Ma ripeto è un opinione! Probabilmente non ci azzecco proprio con gli sterrati, amante dell’asfalto quale sono. E’ vero anche che i primi sono letteralmente volati via e noi dietro “come foglie alzate in volo dal passaggio di un treno”, espressione azzeccattissima usata da Matteo sul suo blog! Il vincitore a 2’51”/km e altri 4 atleti sotto i 3’!!! L’aspetto che mi ha colpito in maniera positiva è stato l’assenza di traffico auto e non è poco nelle nostre gare pur sempre “amatoriali”, d’altronde la zona in cui è stato ricavato il percorso ha favorito questa caratteristica non certo trascurabile a discapito però del calore (non sempre) dei centri abitati e dei loro corredi urbanistici che a volte fanno da contorno affascinante al passaggio dei podisti. Cmq non si può pretendere tutto! No? Detto questo devo aggiungere per quanto mi riguarda che c’è stato un leggero miglioramento nella “mia performance podistica”, sia nei freddi numeri cronometrici che nella condotta di gara. Il via è stato come l’avevo pensato, non a cannone stile Ossona dove avevo sparato un 3’46” al 1^K, ma più consono al mio passo e così la corsa si è svolta quasi lineare avvicinandomi ulteriormente a quel 4’ al km (almeno su queste distanze 5/6km) a cui ambisco da quel dì nel quale mi sono scoperto a 47 anni “apprendista runner”. (4’06” – 4’07” – 4’06” – 4’14” – 4’07” la sequenza dei 5K con i 705m finali a 4’04”. Porcaccia la miseriaccia! c’è sempre quel 4^ km in cui ho una flessione (anche se questa volta più leggera, ad Ossona era coincisa con il lungo sterrato, il sentiero nel bosco e probabilmente la partenza a razzo!) e poi mi riprendo, deve sparire questo fatto!!! Il benino del titolo al post vuol significare che ipotizzavo, partendo in maniera coscienziosa, di aver più benzina nel finale e invece non sono riuscito cambiare il passo come speravo ma sono rimasto ancorato a quello di partenza, altro fattore su cui dovrò impegnarmi ulteriormente. Piazzamento 109^ su 221 iscritti alla competitiva. 4’07” la media finale contro i 4’11” di Ossona ed è la seconda volta che realizzo questo passo, l’altra è stata a Cassano Magnago, durante il Giro del Varesotto, sotto la pioggia e su di un percorso con una salita e una lunga discesa, e con un kilometraggio leggermente inferiore (4km e 920m). Cmq lemme lemme, quatto quatto ci arriverò! Oh si ce ci arriverò al fantastico 4’!!!!

A completare la bella serata ho pure ritirato il premio come 3^ gruppo partecipante più numeroso (A.R.C. Busto Arsizio), circondato dalle Miss della manifestazione … beh! ero rimasto solo io della mia società! Sono i vantaggi del compito assegnatomi di documentare con qualche foto le corse a cui partecipo, rimanendo fino a tardi da buon BloggerMan!!!


Ampi resoconti, commenti, foto e filmati sui blog degli amici: CAPASSO, MATTEO RAIMONDI e CORSA AMICA.

giovedì 9 luglio 2009

JackPot Run al via!

Curiosità e grande attesa da parte mia per la corsa di domani sera! La Jack Pot Run di Magnago. Ma da quello che leggo nei blog e nei siti dei runners delle nostre province, l’attesa è grande un po per tutti! Molto probabilmente il motivo principale è l’indovinata formula che i bravi organizzatori della gara hanno ideato e che hanno messo in scena l’anno scorso nella 1^ edizione. Percorso perfettamente misurato (5K e 705m) uguale tutti gli anni per potersi confrontare ogni volta e premio, il cosiddetto Jack Pot, che quest’anno è di 1000euro per gli uomini e 200 per le donne, per chi batterà il tempo della passata edizione. Fabio Mascheroni, vinse 1 anno fa per gli uomini con il tempo di 16’46” (2’56”/km), mentre per le donne trionfò Sanpietro Cecilia in 20’44” (3’38”/km). Sul blog dell’amico Matteo Raimondi trovate l’elenco dei top runner favoriti, iscritti alla corsa, tra l'altro Matteo è uno dei partecipanti, e con buone probabilità di pizzamento! Ma la bellezza e soprattutto lo stimolo è quello che tutti, ma proprio tutti, con qualsiasi passo, hanno la possibilità di confrontarsi e battere il proprio tempo fatto registrare l’anno prima; e questa non è poca roba se si considera che difficilmente nelle miriadi di gare su strada, serali e non, i tracciati e i km quasi mai sempre sono gli stessi per ogni edizione.
Per me sarà la prima edizione! D’altronde per me quest’anno sono tutte delle prime. Il mio umile e modesto obiettivo è quello di avvicinarmi, in riferimento a queste distanze (5/6K), ai fantastici 4’ (come li definisce il mio amico blogger
Luchy_73). Come dicevo all’inizio sono molto curioso di vivere questo evento ma mi trovo anche in una giusta tensione agonistica, la quale spero mi faccia rendere al meglio. Ciao ragazzi!

Il mio pettorale è il 176 e QUI sul sito della OTC Como trovate classifica e tempi.
QUI invece sul blog di Antonio Capasso: News, commenti, filmato e tante foto della manifestazione.

domenica 5 luglio 2009

Ma che bella serata! molto chiara e poco scura!

Bella serata ad Ossona per la 3^ edizione della "Ciar o Scur ad Ossona sa Cur"; bella serata di sport, ma, e soprattutto anche di incontri: con Luciano “LUCKY73” e con Antonio Capasso, certamente esempio da seguire quest’ultimo, e per la sua passione, e sia per il suo sforzo nel divulgare quella che è poi la passione di molti, laddove mancano punti di riferimento e di informazione alle tante e tante manifestazioni podistiche che animano la nostra zona; senza dimenticare poi l’importante apporto fotografico del “fotografo per eccellenza, Arturo” mosso anch’egli dallo stesso “virus” della corsa con le scarpette da runner. E Lucky? Finalmente ho avuto anch’io il primo “blog point” si certo, sarò stato pure mini, per questa volta, e poi com’è quel detto? Pochi ma buoni? Bella persona Luciano! simpatica e alla mano. Gli auguro tutta la fortuna per le gare a cui tiene in modo particolare.
La gara è stata bella! Era la mia prima competitiva dopo le 5 tappe del Varesotto, e la prima cosa che ho avvertito è stata in me la mancanza di tensione, ma penso che questo sia normale. In una gara a tappe ci si impara a conoscere e a guardarsi anche in “cagnesco” naturalmente sportivamente parlando, ci si cura l’uno con l’altro, mirando alla classifica generale per guadagnare qualche posizione anche tra il 200esimo e il 201esimo! Qui invece è una gara fine a se stessa, ognuno spara le sue cartucce e quello che arriva arriva, c’è poi chi invece la prende come un allenamento settimanale in preparazione di qualche altra gara per lui più importante.
Ecco appunto! Io le mie cartucce le ho sparate tutte, o quasi tutte, al 1^K (3’47”), (avevi ragione Luciano sulla velocità in partenza! analizzando il tutto con Sport Tracks si evince che dopo 170m viaggiavo addirittura a 3’26”, dopo 260m 3’43” per poi scendere di nuovo dopo 440m a 3’32”, follia pura) fino ad ora avevo corso in pista il mio km più veloce in 3’48”! Sara forse stato Lucky che avevo appena dietro alla partenza a spingermi nel …. o forse la sfida gioiosa tra blogger, sarà stata la bella sensazione di avere poca gente davanti allo sparo iniziale! Eravamo si oltre 750 iscritti ma alla competitiva si sono cimentati in 108 (arrivati 103, uomini e donne), o forse ancora è stato l’istinto di mettermi alla prova per capire fin dove riesco a soffrire una volta in crisi! 2^K (4’05”) e qui già avvertivo di averla “fatta fuori dal vaso” 3^K (4’15”), ma la vera crisi è arrivata tra il 4^ e il 5^ km in concomitanza con alcuni tratti di percorso misto, sterrato e sentiero, dove la mia scarsa proprioccettività accentuava lo stato di sofferenza: 4’28” e 4’24” gli ultimi 2 km, con il secondo dove si ritornava su asfalto e dove visibilmente mi riprendevo (energia ed elasticità) superando alcune persone, 4’13” il 6^K e gli ultimi 260m sprintando a 3’52”/km. Distanza totale Gps 6260m col passo di 4’11”/km che è poi il mio ritmo attuale su queste distanze.


Per la cronaca: il mio piazzamento è stato 12^ su 25 di categoria e 48^ assoluto. Luciano: 16^ su 39 di categoria e 32^ assoluto.

La gara è stata vinta da: TROGU GIUSEPPE (Atl Da Paura) 2^ CASTAGNA STEFANO (Atl Magnago) 3^ MAGLIANO FRANCESCO (Pod S.Giovanni). Da segnalare il buon risultato per il migliore della A.R.C. Busto Arsizio presente, Fabrizio Poli, 3^ di categoria su 39 e 5’ assoluto, oltre al ritorno, dopo un periodo di inattività di Roberto Vielmi, 17^ di categoria e 33^ assoluto. Mentre il Road Runners Club Milano si è aggiudicato il 1^ premio come gruppo più numeroso (39) 2^ posto per la Tigre Carpenzago (38) e 3^ Corbettese (35).
Da sottolineare la presenza come Special Guest, oltre che come amico di noi tutti, di Danilo Goffi, il forte maratoneta legnanese che corre per i Carabinieri (2h08’33” il suo PB, terzo classificato a
Rotterdam il 19 aprile 1998) Nel 1991 è stato vincitore del campionato europeo junior dei 10.000 metri in pista a Salonicco (Grecia). 20 maratone disputate di cui 6 in occasioni iridate. Tutto questo ha dato senza dubbio lustro alla manifestazione e ha reso noi onorati nell’essere partecipi.

Leggi QUI alcune mie considerazioni e il commento alla manifestazione fatte sul sito One Marathon For Capasso.

Invece QUI tutte le classifiche, assoluti e di categoria.

Sul fronte allenamenti:
Dopo la gita di ieri a Courmeyeur con amici, dove ho mangiato, tra pomeriggio e sera, un po di tutto: gelati alla panna e alla crema, dolci, pizza, birra (poca) e limoncello (poco) e meno male che il pranzo è stato al sacco, almeno in quello mi sono autoregolamentato con panini, bresaola, prosciutto crudo, acqua naturale e Coca Cola, rigorosamente light!
Questa mattina uscita di 15,21K a 4'54"/km ricevendo delle buone sensazioni post Ossona ma soprattutto post Courmayeur
Inizia domani una settimana importante che mi vedrà impegnato nella JackPotRun di Magnago, manifestazione di richiamo e di fascino.

venerdì 3 luglio 2009

Ossona

Bella serata di sport ad OSSONA! Tanti appassionati hanno risposto presente (oltre 750)! agli sforzi organizzativi di "Quelli della via Baracca!"

Incontro con il mitico Antonio Capasso (3^ di categoria, complimenti!) e il blogger Luciano, alias “Lucky73”.

QUI sul sito di Antonio toverete un ampio resoconto della serata, con commenti dei protagonisti e numrose fotografie, by Arturo!

Invece QUI leggerete il commento del "vulcanico" Antonio Puricelli sulla 14^ Strarovate, 3^ tappa del circuito "Corri con PU.MA SPORT!"

domenica 28 giugno 2009

Settimana di allenamenti con test finale!

Buona settimana di allenamenti conclusasi questa mattina con quello più tosto! Ho deciso di comune accordo con me stesso, che da qui ad Ottobre, periodo in cui correrò le prime mezze maratone, ogni 4 settimane (in pratica 3 volte) affronterò un test sulla distanza di 18K per verificare la condizione ed eventuali miglioramenti. Ho iniziato oggi anche se 3 settimane fa avrei già corso 16K a 4’34”/km, dopo le prime due tappe del Varesotto; e fu proprio quella l’occasione che mi fece pensare di poter mirare, almeno per quest’anno, di correre la mezza intorno al 4’25”/km. Da quando ho iniziato a correre (1 anno fa ormai!) mi sono cimentato in questa distanza solo in 5 occasioni: a Settembre la prima, raggiunsi i 21K e 97m in 1: 56’! grande soddisfazione! ero rimasto sotto le 2 ore, poi a Novembre, prima che mi fermassi per la pubalgia, feci quella che oggi è ancora la miglior prestazione: 1:40’23” (4’45”/km) rilevamenti, ovvio, tutti con GPS! Quest’anno ho corso solo 1 volta 22K ad Aprile per saggiare le mie condizioni dopo la ripresa di Gennaio e naturalmente senza velleità, passando in 1:41’50” (4’48”/km).
Teatro di oggi, come del resto molte delle volte in cui faccio questi allenamenti, l’alzaia del Naviglio Grande tra Bernate Ticino e Castelletto di Cuggiono. Dopo i temporali notturni l’umidità è stata pazzesca (96%) e così appena arrivato sul posto vengo accolto dalla conseguente e tipica nebbiolina che tale fenomeno comporta. Sono soddisfatto! anche se stanco ma è normale! Alla lunga mi mancano dei km nelle gambe. Le gare brevi e veloci di queste settimane mi hanno lasciato in eredità un passo troppo celere in partenza, devo per questo regolare un attimo la carburazione! Cmq non mi dispiace visto che ho ancora due o tre appuntamenti simili per Luglio, prima di concentrare unicamente la preparazione per la mezza; e cmq sono pur sempre dei normali corti veloci! No?
Fallito il Negative Split a cui tengo in particolare perché è un sintomo di buona preparazione e di buon margine nel gestire le proprie energie. Primi 9K a 4’24”/km contro i secondi a 4’31”/km. Come dicevo all’inizio del post, oggi si è conclusa una buona settimana, sotto riporto il tutto. La settimana che sta per iniziare invece sarà affrontata in maniera più soft comprendendo la gara di Ossona; 6,5 km ancora da fare tutti d’un fiato!
  • Lunedì: Riposo
  • Martedì: 14,52K (4'58" su sterrato)
  • Mercoledì: 11,07K (5'20" su terreno misto)
  • Giovedì: 10,11K (5'02" su sterrato)
  • Venerdì: Riposo
  • Sabato: 8,44K (4'56" su asfalto)
  • Domenica: 2,12K risc. a 4'46" + 18K (4'28") + 2,03K def. a 5'08"
  • Totale km settimanali: 66,29

domenica 21 giugno 2009

Finalmente un po' di "respiro"!

Ah le mie strade! Ah quanto sono belle le mie strade! “Un uomo solo al comando” così raccontavano con enfasi di un certo Coppi! L’asfalto scivolava sotto le ruote del suo mezzo, per noi uomini a cavallo del 3^ millennio quasi pionieristico!!! Il fresco del mattino dopo il temporale, l’aroma del legno umido degli alberi…. Svegliaaaaaaaaaaaaa…. Ah si eccomi a voi!!!
Una “botta” poetica mi ha colpito in testa e mi sono lasciato trasportare dalla fantasia che mi assale dopo un allenamento come quello di questa mattina.
Avevo bisogno assolutissimamente di disintossicarmi da questo periodo di gare quasi in apnea, dove bisogna dare tutto subito e arrivare “impiccati” come meglio non poteva rendere l’idea con questo termine il buon Giancarlo!
Come dicevo nel post precedente, mi sento un orologio (anche se vado un po' avanti, forse meglio dire "come un diesel") con il suo ritmo e i suoi battiti da rispettare, le tappe brevi e sprint del giro e il 5000 in pista mi hanno divertito, non c’è dubbio, e non mi stancherò mai di affermare che sono senz’altro utili per migliorarsi sotto vari aspetti! non smetterò mai di farle, anche perché sono la maggioranza nei calendari podistici; ma non riesco ad esprimermi come vorrei e soprattutto come penso di poter fare. Così per oggi mi sono programmato un rilassante 3x3000 rec. 1000. per entrare in clima preparazione mezza, anche se mancano ancora poco meno di 4 mesi alla prima (Pavia).

Entriamo nel tecnico: fisicamente sono ok anche se sento ancora le gambe un pochetto dure e affaticate dagli ultimi impegni, per me stressanti. Cmq il fisico risponde bene; (avrei bisogno solo di qualche massaggio). In questo periodo ho convenuto con il mio “ego”che potrei ambire ad un passo di 4’25” nella mezza ed è da qui che vorrei iniziare a strutturare i mie lavori. Infatti oggi l’intenzione era di correre con questo passo, ma mi è venuto un po più veloce, pur mantenendo dei buoni margini, la progressione lo dimostra! Sono contento e soddisfatto anche per il fatto che correndo in un certo modo alla ceca, nel senso che programmando il Garmin per le ripetute non ne posso conoscere l’andamento delle stesse se non alla fine dell’allenamento, ho scoperto e a maggior ragione, che i ritmi mi sono venuti naturali e non guidati dal sapere su come mi stavo comportando.
Vorrei fare anche una riflessione sulle Skylon 11 con cui ho corso oggi e che non riesco ad avere con loro il feeling giusto! ma mi sto dilungando troppo e rimando il tutto ai post futuri.

Inizio con 4K di riscaldamento a 5’01”/km
10’ di Stretching
Parto con il lavoro: 3x3000m (al km 4’19’ – 4’15” – 4’11”) – rec.1000m (4’52 – 4’50” – 4’49”)
Finisco con 2,21K a 4’32”/km
Totale: 18,23K a 4’33”/km

sabato 20 giugno 2009

Il 5000 se nè andato!

La posso raccontare come voglio! Allenamento o gara, 5K o 5000m; ma alla fine la prestazione è questa ed è il tempo che attualmente ho nelle gambe: 21’04” (4’12”/km). Troppo ottimistico il caro Giancarlo augurandomi un 20’01”! 1 minuto in meno! troppo bello, utopia in questo momento. Cmq bella e divertente serata trascorsa sulla nuova e moderna pista di Busto Arsizio; 4 batterie composte dalla stramaggioranza da atleti della San Marco e pochi, pochini quelli della ARC, probabilmente l’invito sorpresa e la decisione dell’ultimo istante di inserirla nel nostro calendario sociale ha avuto il suo peso. Come dicevo 4 batterie così composte: nella 1^ i più lenti: donne e tapascioni veterani, nella 2^ quelli che si difendono ed aspirano forse un domani ad assomigliare a dei runners, qui c’ero io; nella 3^ quelli che se si battono già con dei buoni tempi e gli manca un gradino per salire nell’olimpo ed infine nella 4^ i top delle due associazioni, qui ovvio, c’è stato vero spettacolo.
La pista è la pista e se non ci si è abituati a correrci si fa fatica a digerirla. Nella mia batteria eravamo in 18, parto col gruppetto che dopo 2 giri ha fatto già selezione e rimaniamo in 9, il 1^ passaggio lo faccio in 1’36” (giusto come aveva pronosticato e consigliato Lucky!), al 6^ mi stacco pure io dai battistrada e nemmeno me ne accorgo da tanto ero attento a distribuire le energie, a 2 giri dall’arrivo raggiungo e supero uno che si era staccato a sua volta dai primi e finisco 7^. A detta di alcuni mie soci sarei partito troppo forte (per le mie possibilità, naturalmente), va beh, può essere senz’altro inesperienza, ma non credo, questo è il ritmo che ho su queste distanze, credo che nelle mie caratteristiche non ci sia quella di cambiare il passo, sono come un orologio, come parto arrivo!!! devo solo lavorare per mantenere quello iniziale, secondo il mio modesto parere! Non chiedetemi altro perché nemmeno del tempo ne sono troppo sicuro, visto che ho stoppato il cronometro alcuni secondi dopo l’arrivo e i tempi ufficiali non erano stati ancora esposti quando me ne sono ritornato a casa. Vedrò di scoprirlo se possibile sul sito della San Marco. Mi consolo e sono contento cmq di stare bene fisicamente e di non aver sofferto alcun trauma da pista. Le Adidas Adizero CS stanno andando benone, ormai gli ho fatto fare tutto il giro del varesotto (maltrattate anche un po tra salite e discese) e il 5000 di ieri sera, 58 km in tutto e nonostante i miei ritmi non siano troppo adeguati per siffatte scarpe, complice però il mio peso piuma, risultano essere come pantofole ammortizzate ai miei piedi, per queste distanze almeno.
Oggi riposo e domani torno sulle mie adorate strade e con distanze a me più gradite e probabilmente congeniali.
Buoni allenamenti e gare a tutti Voi!

mercoledì 17 giugno 2009

Gara sociale x 2!

Originariamente il 5000 di venerdì doveva essere gara sociale della Atletica San Marco e quindi riservata ai soli soci della stessa associazione, ma il presidente ha voluto estendere l’invito alla ARC Busto come società amica. La cosa naturalmente è stata moto gradita da tutti noi soci e atleti della ARC e il consiglio direttivo di conseguenza ha immediatamente inserito la gara anche nel nostro calendario sociale. Nell'occasione inoltre verranno effettuate delle mini gare per i bambini, magari sulla falsa riga di quelle del Giro del Varesotto: 400 metri per i più piccoli e 800 per i piu grandicelli. Non è difficile pensare che oltre all’importanza che riveste questa gara per i rispettivi campionati sociali, la serata verrà vissuta come una festa e una piccola sfida tra gli atleti delle due associazioni bustocche.
Per quanto mi riguarda ho cercato di prepararmi, non dico al meglio perché le fatiche del giro non le ho ancora smaltite del tutto, ma diciamo in modo adeguato alle mie attuali condizioni, tenendo poi sempre in considerazione che cmq non è una distanza a me congeniale; ma che in qualsiasi caso è pur sempre un buonissimo allenamento per le tre mezze autunnali che ho in programma per quest’anno: Pavia, Trecate e Busto Arsizio. Anche se mi sono reso conto in questo periodo che a livello master bisogna saper correre qualsiasi distanza allo stesso modo e con lo stesso impegno, visto che le mezze sono di gran lunga inferiori come frequenza (e non poteva essere altrimenti) alle gare, soprattutto le serali estive, che vanno dai 5K a i 10K.

Allenamenti:
Martedì: 50' a 4'51"/km
Mercoledì: 30' a 5'16"/km + 6x150 rec. 1' al passo - media 3'31"/km + 400 a 3'44"/km
Giovedì: Riposo pre-gara

domenica 14 giugno 2009

Inizia la settimana dei 5000 in pista!

Dopo 1 giorno di riposo assoluto questa mattina ho testato le mie condizioni dopo i sforzi della corsa a tappe del varesotto. Leggendo i vari blog di runners che hanno condiviso con me la bella e coinvolgente esperienza del giro mi consola il fatto di non essere da solo ad averlo finito con poca benzina in corpo. Alcuni, come me sono tornati ad allenarsi, altri hanno rispettato i propri programmi con le gare sparse in provincia, cercando tra l’altro di limitare i danni. Per quanto mi riguarda ho svolto un lavoro normale: 4K lenti ma brillanti, un 3*1500 con recupero di 2’ da fermo (impegno? 90%) e ho finito poi con altri 4K sempre brillanti. Ne ho ricavato delle buone sensazioni, anche se avverto ancora i polpacci leggermente duri e affaticati, le gambe sono poco brillanti e la corsa è poco elastica. Settimana di scarico, mi aspettano “ben” 57 ore di ulteriore riposo: martedì sera 50’ di corsa lenta + qualche allungo, mercoledì 30' di corsa lenta + 6*150 + 500m, giovedì riposo e quindi venerdì affronterò i miei primi 5000 in pista nella gara sociale. A.R.C. Busto. Ci sarà da divertirsi! lo spero!!!

4K: a 5’00”/km
3*1500 rec. 2’ da fermo (4’07”/km - 3’56”/km - 4’05”/km)
4K: a 4’55”/km

sabato 13 giugno 2009

E' stato bello ma faticoso!


Lo sport a volte è fin troppo prevedibile! Dopo una vittoria arriva immancabilmente una sconfitta, dopo una buona prestazione ecco una discreta che ti apre gli occhi. Ieri sera si è concluso il giro del Varesotto, il mio primo impegno competitivo, ma dopo la bella prestazione di Cassano Magnago quella di Busto Arsizio è stata una gara sofferta. Il contorno è da grandi eventi poditici, l’opportunità di correre nelle vie centrali di una città di 100.000 abitanti è già di per sè fonte di una buona riuscita, se poi aggiungiamo la perfetta o quasi, organizzazione dell’Atletica S. Marco, il risultato non può essere che positivo. Il percorso l’ho trovato invece bruttino, troppe curve, troppi marciapiedi, poco scorrevole, alla faccia di chi lo aveva presentato come un percorso veloce! Credo che non sia sufficiente il terreno pianeggiante per renderlo tale. Cmq il bello dello sport e delle gare è anche questo, mettere alla prova le proprie capacità anche in quelle situazioni che non ci convincono del tutto.
Ritornando alla mia prestazione, posso dire che probabilmente ho pagato dazio per la gara di 3 giorni fa dove avevo dato tutto; sotto l’acqua e su di un percorso di paese, questa sera con un clima e in un contesto nettamente differente, caldo e tra i palazzi, le gambe mi hanno lasciato del tutto, quasi subito. Durante i km di riscaldamento ho avvertito la stranezza della mia condizione; quadricipiti di marmo e gambe stanche. Devo aggiungere anche a mia discolpa, che secondo me, 5 gare così tirate nel giro di 17 giorni (ogni 3,5gg) hanno messo alla prova il mio allenamento ancora approssimativo. L’unica nota positiva l’incontro con Beppe” Giuseppe Bollini, ottimo e simpatico atleta della Runners Valbossa, (15esimo assoluto della generale e 5^ nella sua categotia, ci siamo conosciuti tramite i nostri blog, veloce stretta di mano e breve scambio di impressioni e poi ognuno verso il suo destino; alla prossima Beppe!!! con più tranquillità!


La gara: 1^K in 4’08”, mi posiziono grosso modo nello stesso punto di partenza dell’ultima volta, le facce sono quelle, ma questa volta sembra che anche loro non vogliano scappar via. Nel 2^K avverto già una sensazione di stanchezza e chiudo in 4’21”. 3’K idem, non riesco a riprendermi e segno un 4’19”. 4^K in 4’18”, linea piatta! Nel 5^ ho una piccola reazione e lo corro in 4’11” ma poi all’inizio del 6^ rallento ancora per poi ritrovarmi un pochino negli ultimi 500/600m. Il 6^K in 4’28” e gli ultimi 300m in 4’25”. Fine del calvario!!! Media totale sui 6300m 4’18”/km. Oggi riposo assoluto, domani domenica non ho ancora deciso cosa fare! Cmq mi aspetta una settimana di scarico, venerdì appuntamento in pista con i 5000 per una gara del campionato sociale e la cosa mi galvanizza. Poi il 10 luglio un’altra scarica di adrenalina con la Jackpot Run di Magnago (MI), gara che si svolge su di un percorso velocissimo di 5705m. Finalmente poi dovrei concentrarmi sulla preparazione delle mezze autunnali.

Classifica generale: 214esimo (443 arrivati)
Classifica di categoria: 38esimo (70 arrivati)
Classifica generale di società: 25esimo (38 arrivati)
Classifica di categoria di società: 5^ (8 arrivati)
Media generale 4’13”/km

mercoledì 10 giugno 2009

E finalmente venne la pioggia!!!


Pensavo fino a ieri di essere uno dei miracolati di questo giro! leggendo le varie cronache dell’anno scorso ho appreso che l’edizione 2008 è stata ostica soprattutto per le condizioni meteo avverse che hanno accompagnato quasi tutte le tappe. E quest’anno poteva mancare? Certo che no! e allora ecco che ieri sera in quel di Cassano Magnago dove è andata in scena la 4^ tappa del giro del Varesotto; si è fatta, prima annunciare da nubi oscure, e poi, appena i fantastici 1000 è più iniziavano il loro riscaldamento, ha fatto la sua entrata trionfale la pioggia battente che avrebbe smesso di inumidire i partecipanti, solo verso gli ultimi metri della gara. Cmq ragazzi grande spettacolo anche ieri sera! Nonostante la serata, che forse invogliava maggiormente di starsene rintanato nella propria casa o in qualche ristorante a riempirsi lo stomaco, la carovana del giro ha fatto la “sua” comparsa nelle strade allagate della cittadina in provincia di Varese. Per quanto mi riguarda ho costruito la mia miglior prestazione del giro, 4’04 il passo, anche se la società che rileva i tempi mi consegna come real time un fantastico (per me!) 3'56"/km. La tappa è la più breve delle cinque, 5050m, al mio gps addirittura 4910m. Questa volta mi sono collocato in una buona posizione di partenza, infatti lo sparo della pistola l’ho sentito chiaro e forte! 1^K 3’55”! e vai! finalmente riesco a scendere sotto i 4’ in questo giro, 2^ e 3^ a 4’05 fotocopia, anche se durante il primo si affronta una lunga salita seguita da una lunga discesa, e qui immancabilmente alcuni mi sopravanzano; dovrò sicuramente migliorare nel su e giù, non posso pensare e sperare che tutte le gare siano piatte come una tavola da biliardo! nel 4^ perdo il passo, forse il boom del primo chilometro e quella salita mi appesantiscono un po gambe e lo chiudo a 4’16”. Poi nell’ultimo trovo qualche energia (come noterete nella foto la faccia stravolta subito dopo l’arrivo) e riesco a coprire i 910m a 4’00”/km puliti. Vengo classificato 205esimo su 530 partenti e faccio qualche passo in avanti nelle varie classifiche: in quella generale, di categoria e di società. Venerdì ultimo appuntamento a Busto Arsizio, tappa più lunga, 6230m. Pianeggiante (meno male) e contorno da salotto tra le vie centrali con arrivo nella bella piazza di San Giovanni. Si preannuncia una serata calda sotto tutti i sensi!

domenica 7 giugno 2009

Sarà una settimana impegnativa!

Medio o progressivo per oggi!!! rimanendo fedele alla mia natura ho scelto una via di mezzo, un bel medio/progressivo di 16K! Incominciamo ad allungare ragazzi! Il periodo di pre/preparazione per le mezze si avvicina a grandi passi. Questa settimana sarà densa di impegni: martedì 4^ tappa del Giro del Varesotto, venerdì la kermesse podistica più importante della provincia si concluderà nel magnifico contesto della bella piazza di S.Giovanni in quel di Busto Arsizio. Domenica correrò poi la non competitiva di casa; con partenza al parco Castello di Legnano va in scena la Corsa d’Estate di 11K, quale migliore opportunità per affrontare un bel medio che poi naturalmente trasformato dalla circostanza tramuterà in un medio veloce! Oggi sono soddisfatto! ho provato buone sensazioni a tornare a correre un buon numero di km, 16 e ad un ritmo soddisfacente. Queste sono proprio le mie distanze, dove credo di dare il meglio delle mie già scarse attitudini podistiche. Analizzando l’allenamento: trovo che gli ultimi 10k li ho corsi a 4’24”/km e gli ultimi 5 a 4’21”/km e con discreto margine, accelerando progressivamente alla fine nel 16^ corso in 4’10”. Il passo totale dei 16k è stato di 4'34"/km. Tutto questo mi fa credere a buon ragione di valere attualmente sulla mezza un 34’/35’. Prima che mi fermassi per la pubalgia avevo corso 5 volte la distanza nelle mie scorribande solitarie con la miglior prestazione di 40’23” oltre l’ora a 4'45/km. Ma ora concentriamoci sulle ultime 2 gare del giro, 2 corti veloci di 5050m e 6250m che in proiezione mezza non sono male! vorrei migliorare poi la mia media in classifica generale che attualmente è di 4’17”, per loro! 4’13” per me! e fare qualche passo in avanti in quella di categoria.

Buona settimana e buoni allenamenti a tutti voi!

sabato 6 giugno 2009

3^ tappa del giro in archivio!


Anche la terza tappa (Somma Lombardo) è passata! Il risultato? secondo più secondo meno, piazzamento più piazzamento meno, siamo nella scia delle prime due gare! nel bel mezzo dei 500 partecipanti al via di tutte 5 le tappe, sia nella classifica di tappa che in quella generale, anche se questa volta mi ha fregato il fatto di essere poco furbo e di non partire più avanti insieme a gente che forse, hanno il passo più lento del mio, e in una gara così breve e veloce fa la sua differenza. 22” tra il tempo ufficiale e il real time! Col risultato di avere 10/12 posizioni perse quando invece all’arrivo sarei arrivato davanti a questi amici podisti! Va bè poca roba!!! Il contesto di questo giro ha sempre un bel fascino, più di mille partecipanti tra la competitiva e la non-competitiva hanno fatto la loro bella figura al cospetto di un’ottima organizzazione. Percorso strano ma divertente anche se la larghezza della sede stradale in alcuni punto imbottigliava forse anche in modo pericoloso, curve a gomito e marciapiedi non sono proprio l’ideale per una gara podistica soprattutto così veloce, dove c’è poca selezione e a volte si arrivava ad affrontare una curva anche in 6/7 persone affiancate. I primi 2K in leggera discesa li ho “aggrediti”, per le mie attuali possibilità, a 4’00” e 4’02” rispettivamente. Poi è iniziata la parte più tecnica, per usare una terminologia automobilistica o motociclistica, più guidata!!! Qui il mio passo è salito considerevolmente, 4’23” – 4’22” – 4’29”, poi gli ultimi 800m fatti nel tentativo di recuperare più posizioni possibili a 4’09”. Media totale 4’14” per 5,79K al mio gps, 5,85K per quello dell'organizzazione!
Martedì la 4^ e penultima tappa di Cassano Magnago è quella più corta, 5,05K da fare in apnea!

martedì 2 giugno 2009

Allenamenti: ieri, oggi, domani! e poi gara!!!

Gli allenamenti di ieri e di oggi sono scivolati via bene dopo il test sui 10 km di domenica che mi ha prodotto un leggero indolenzimento ai polpacci. Auto massaggio e Massigen (pomata defaticante) mi hanno rimesso alla meglio per affrontare i 2 allenamenti prima della terza tappa del giro di giovedì sera. In questo periodo mi sto impegnando a velocizzare la mia azione, ma tra fine Giugno e inizio Luglio inizierò a prepararmi per l’esordio nella mezza che dovrebbe avvenire l’11 Ottobre a Pavia, quest'anno valida per il Campionato Italiano Master dove la mia società e credo tante altre vi parteciperanno in blocco. Dico dovrebbe perché a fine Settembre ci sarebbero anche due mezze che mi attirano, Monza e Gravellona Toce, naturalmente ne farei solo una delle due essendo ravvicinate (20 e 27) e non vorrei esagerare, vedremo come si evolve l’estate. Il 25 ottobre poi c’è Trecate dove tutti fanno il loto Pb da tanto pare sia veloce e poi Busto Arsizio l’8 Novembre dove correrei in casa.

Ieri 1 Giugno: 8,18 km a 5’12”
Oggi 2 Giugno: 4,04 km a 4’58” + 10x150 con recupero da fermo o al passo di 2’ + 3,17 km a 5’06”.
Nell’allenamento di oggi (la tabella sopra) ho alternato frazioni veloci con frazioni medio/veloci cercando fluidità nella corsa.
Domani 3 Giugno: 6 km a 5’30”

Giovedì 4 Giugno: 3^ Tappa del Giro del Varesotto.

domenica 31 maggio 2009

Bè allora...

Bè allora le gare brevi servono a qualcosa! E’ da 1 mese che il mio obiettivo è quello di velocizzare il passo, da quando mi sono iscritto al Giro del Varesotto. Allenamenti mirati a questo aspetto + le due tappe corse finora al massimo delle mie attuali possibilità, almeno credo!!! Il 400 e 1000 in pista, i 1500, 3000 e i 5000 mi hanno regalato la soddisfazione di buoni risultati cronometrici e avendo i margini del “pivello” era anche normale! Nei giorni scorsi ma soprattutto dopo la gara di giovedì in quel di Besnate ho avvertito il bisogno di allungare di qualche km lo sforzo massimo in allenamento per capire se posso creare quel margine che mi potrebbe far rendere al meglio nei 5/6 km di queste tappe del giro. Nello stesso tempo immaginavo che tutti questi miglioramenti nelle distanze brevi e i conseguenti allenamenti avrebbero potuto darmi una buona prestazione sui 10 km. 45’34” era il tempo fatto 1 mese e mezzo fa! 1’ ero certo di poterlo togliere ma addirittura 2’24” non me lo immaginavo proprio! 21’44” il passaggio ai 5 km, i secondi 5 in 21’26” per il tempo totale di 43’10” e un passo di 4’19 contro il vecchio 4’33”. Oltre le mie più ottimistiche previsioni. Corsa regolare, tranne il 4 km in 4’27” dove ho pensato che forse stavo spingendo un po troppo ma proprio quel km mi ha fatto capire che potevo tenere il passo dei 4’20”. Queste sono le cose mi danno stimolo ad impegnarmi sempre di più oltre a farmi divertire un casino! Però a pensarci meglio tutta questa enfasi forse non dovrebbe essere giustificata, avrei dovuto saperlo ed aspettarmelo, visto il tempo sui 5 km di 20’56 come avrei potuto non migliorare anche sui 10 km e con questo margine!!!

Un episodio curioso: negli ultimi 400m e in piena spinta ho superato un vecchietto, esile e intento nella sua corsa, anche un po barcollante, avrà avuto 75/80 anni, grosso modo! Terminata la corsa mentre stavo facendo stretching ai polpacci un po affaticati il vecchietto mi supera e mi chiede: “ma cosa è successo che andavi così forte?” “No niente, ho fatto 10 km col tempo” gli rispondo; “Bravo” dice lui!!! E prosegue. In quel momento ho perso l’attimo fuggente, forse anche perché il respiro l’avevo ancora grosso, per potergli dire quello che stavo pensando e cioè quanto l'ammiravo e che "bravo" era sicuramente lui con la sua tenacia e passione, con la speranza e l’auspicio di poterlo imitare fra 30 anni; magari sempre lì ... sulle sponde del naviglio.

sabato 30 maggio 2009

2^ tappa

E’ andata! Voleva essere la tappa più ostica del giro e per me lo è stata, sicuramente più della prima. Soffro terribilmente i cambi di pendenza, che siano salite o discese ardite, ho cercato di difendermi più che di offendere, quelli che superavo in piano mi scanzonavano in salita e in discesa. Interessante la lettura del grafico! Mi manca sicuramente il fatto di non poter aver fatto allenamenti di potenziamento in inverno e tanto meno in questo periodo, attendo la fine di queste gare brevi per poi dedicarmi alla preparazione per le mezze e con le prime uscite su strade di montagna (asfaltate) spero di migliorare sotto questo profilo. Cmq sono contento, sto facendo esperienza e queste gare brevi e tutte d’un fiato mi servono come allenamento veloce per il futuro. Il risultato finale ricalca quello della prima tappa, a metà classifica, con una media leggermente superiore. 5km e 500m (da gps organizzazione) a 4’20”/km per il real time, 5km e 590m per il mio gps a 4’16”/km. Ora scalpito e non vedo l’ora di correre la terza tappa di giovedì prossimo sperando che sia più scorrevole!
Questa mattina ho fatto 8 km a 4’47”. Domani ho in programma di fare 10 km veloci. Lunedì 8 km a 5’25”. Martedì rifinitura con 5 km a 5'20"/25" + 10x150m da fermo. Mercoledì 6 km a 5'30".

Se avete pazienza e volete vedermi in “azione” guardate nele due Slide Show. Prima tappa (foto 25 in riscaldamento e 188 nello sprint finale) e nella seconda tappa (foto 182 e 183 nello sprint finale.) Naturalmente per velocizzare, avanti veloce con la freccetta.

mercoledì 27 maggio 2009

Eccomi! parte 2^

In effetti quello che dicono Giancarlo e il Califfo l’ho pensato anch’io! Qualcosina di meglio speravo, ma poi se metto in fila tutte le circostanze mi ritengo cmq soddisfatto.
1) La prima vera gara con tutti gli annessi e connessi. 2) I 5 percorsi delle tappe del giro non sono proprio in piano, forse tranne l’ultimo di Busto Arsizio e qui potrebbe essere spiegato il tempo cronometrico, anche se poi vado a rivedere il passo realizzato, ed è quello che ho attualmente nelle gambe su queste distanze. 3) L’impressione di avere più difficoltà a gestire le distanze brevi rispetto a quelle un po più lunghe, in queste parto e so quello che valgo e quale ritmo posso rispettare. In quelle brevi (5/6 km) ho difficoltà a capire fin dove posso osare per andare oltre al mio passo ipotetico e subentra la paura di “saltare” da un momento all’altro! Pensate che gli ultimi 300m erano in pista e qui ho sprintato superando almeno 8/10 persone che mi sembravano ferme! Forse ne avevo e non lo sapevo? 4) il 1^km in 4’14” sono partito troppo in dietro rimanendo imbottigliato, il 2^in 4’08” ho cominciato a prendere il ritmo, il 3^ in 4’07” ok, il 4^ in 4’18” leggera ma lunga salitella, qui prime seghe mentali! il 5^ in 4’07” altre seghe mentali, forse avrei dovuto osare maggiormente! Gli ultimi 550m al passo dei 4’ netti con i primi 200 prima di entrare in pista fatti su erba e curve a gomito. 5) Quello che dice Califfo è anche vero, fino a 4 mesi fa ero immobile e non correvo nemmeno 100m. 6) Forse ho interpretato la gara come un allenamento senza dare quel qualcosa in più. Cmq ragazzi questo è un giro! Si sommano i tempi delle tappe e domani è un altro giorno! mi aspetta la seconda tappa sul percorso a detta di tutti essere il più duro dei 5, con salite serie e discese a picco. E poi se vogliamo mettere che mi servono come allenamento in preparazione delle mezze che sono sempre le gare a cui tengo maggiormente, mi devo ritenere più che soddisfatto ….. l’importante è crederlo!!! poi…. Cmq se volete aggiungere qualcosa!!!

La 2^ tappa di domani a Besnate è di poco più di 6 km ed è la più nervosetta, rimanendo in stile "giro" definiamola "tappa di montagna"
Oggi corsa breve di 7 km a 4'57" per riordinare i muscoli.

Ricordate che se non avete nulla da fare di meglio e vorreste vedere subito (o quasi) il mio risultato andate QUI PETTORALE 434

martedì 26 maggio 2009

Eccomi!

5550m in 23’08” a 4’10”/km
275esimo su 553
45esimo su 81 di categoria
A domani il commento!

lunedì 25 maggio 2009

Sono pronto!

Ormai ci siamo! oggi ultima sgambata. 3,5 km di lento più 10 allunghi di 150m e poi stop! Per domani sera si prevedono temporali in zona! (sigh!) Almeno però sarà fresco!

Qui potrete trovare la classifica e i tempi della gara.

PETTORALE 434

Ciao ragazzi!

domenica 24 maggio 2009

Che caldo! ma tutto ok!

Caldo caldo e caldo! Alle 8 in punto ero sull’alzaia del naviglio di Cuggiono e sudavo ancor prima di correre, 25 gradi a quest’ora non sono pochi! Cmq inizio l’ultimo allenamento, degno di questo nome, prima del Giro. Ho da provare anche le mie nuove Adidas Adizero CS. In programma ci sono 3 km di riscaldamento, si fa per dire!!! Poi 3 km di corto veloce, il mio corto veloce è a tutta, questo mi stimola e mi da soddisfazione. Alla fine 4 km tranquilli e di rifinitura. Dopo i primi 6 km mi fermo alla macchina e cambio le scarpe, calzo le Saucony per il passo lento che andrò a fare. Imposto il Garmin col parziale dei 1500m e progetto di correre i primi sopra i 4’ e i secondi sotto! Tutto al contrario, parto come al solito forte e poi gestisco la fatica, devo sicuramente migliorare in questo particolare non da poco. Cmq c’è felicità! Sono migliorato sia sulla distanza dei 1500 (a dire la verità in questa è la prima volta che ne tengo conto) che su quella dei 3000, ho portato il passo da 4’07” a 4’02” e ho corso i 1500 in 5’53al passo di 3’55”/km, mentre i secondi 1500m li ho fatti a 4'08". Le Adidas sono andate benone! Le ho trovate perfino morbide e adeguatamente ammortizzate per il loro peso! Il piede lo sento perfettamente al suo posto pur non percependo la presenza della scarpa da tanto si adegua al mio piedee e forse anche per la leggerezza! Si forse 6 km sono pochi per dare un giudizio definitivo, vedremo martedì in gara.

La fotografia lo presa da internet e naturalmente non si riferisce ad oggi, visto l’abbigliamento dei soggetti!

sabato 23 maggio 2009

Ora mi tocca!!!


Mancano 3 giorni al mio primo e vero appuntamento podistico, il Giro del Varesotto è alle porte. Questa mattina sono andato a ritirare pettorale e chip, corpi estranei fino a qualche ora fa, sono ora già diventati i miei beniamini! Il Pu.Ma Sport di Casorate Sempione, dove tra l’altro si correrà la prima tappa, è un negozio tecnico e ben rifornito per il Running ed è uno dei sponsor ufficiali della manifestazione, oltre ad essere il punto ritiro dei pettorali per chi non volesse sbrigare il rito la sera della prima gara. Secondo voi essendo un negozio tecnico mi sarei lasciato scappare la possibilità di acquisti? Notizia fondamentale è la conferma del mio appoggio da supinatore che già sospettavo e rimarcata dalla pedana luminosa, ora non ho dubbi! L’acquisto sono state le Adidas Adizero CS, intermedie da 229gr il 9 US e sul mio bilancino, l’Adidas le presenta però a 250gr! Boh! La marca delle 3 strisce mi mancava e mi stuzzicava provarle ed è stato subito feeling! Ho provato anche le Adidas Adizero Boston, che sarebbero la normale evoluzione delle CS, ammetto che da casa ero partito con loro favorite, la scelta poi è stata ardua ma alla fine le più anziane hanno avuto la mia preferenza dopo averle calzate e ricalzate, corricchiato per il negozio tra la curiosità degli altri clienti e la gentilezza dei proprietari Antonio e Silvia, che ottima cosa, sono tutte e due runner. Ho provato anche le Saucony Grid Tangent, le Mizuno Wave Aero7, le New Balance e le Etonic, tutte intermedie naturalmente, anche se delle ultime due non ricordo il modello, cmq la mia attenzione era ormai rivolta verso le Adidas. Finalmente non ho comprato a capocchia mia, ma consigliato anche sul numero. Per ora mi dovrebbero servire per gli allenamenti super/veloci, almeno per me! strada e pista, e per le gare brevi fino ai 10 km. Saranno in competizione con le Skylon, quest’ultime cmq saranno per i medi e per la mezza, mentre le Saucony Triumph 5 assolveranno il compito dei lenti. Domani le testerò sul cortissimo veloce di 3 km che farò sulle sponde del naviglio, prima del giorno di riposo di lunedì o di 30/40” fatti in stile passeggiata!

domenica 17 maggio 2009

Secondo me è andata bene!!!

Ottimo test questa mattina per verificare il passo a cui potrei ambire nella prima delle 5 tappe di 5 km e 440 m. Nella mia “pista naturale in morbido asfalto” da me preferita, sulle sponde semidritte del naviglio grande di Cuggiono. Un corto veloce veloce potremmo dire che mi ha portato però a correre e ad abbassare il tempo migliore sui 5 km di 44” portando così la media da 4’21 a 4’12, non male! Ritengo cmq di essere partito troppo forte (come il mio solito) e di avere smarrito nel finale quelle energie che forse mi sarebbero servite per fare ancora meglio. Esperienza!!! Le Mizuno Elixir si sono dimostrate delle buone scarpe, secche come me le aspettavo, forse troppo! Caratteristica un po di tutte le Mizuno. Meglio delle Skylon sul tartan, credo! ma ho la presunzione di pensare ed affermare che in strada e su asfalto, Nike Skylon tutta la vita!!! Potrei sbagliare, visto la mia ancora scarsa attitudine nel giudicare tecnicamente i materiali ma penso di non andare molto distante dalla realtà.

3.13 km di riscaldamento a 5’09”/km
5 km Test sul passo in 21’03” a 4’12”/km
1. 4’09”
2. 4’13”
3. 4’11”
4. 4’17”
5. 4’13”
4’ di riposo
3 km progressivi a 4’39”/km
1. 4’58”
2. 4’44”
3. 4’16”

1 km di defaticamento a 5’06”/km

sabato 16 maggio 2009

Preparazione simil "adsl"!!!

Dopo 3/4 giorni di problemi tecnici alla linea adsl dovuti all’allineamento (così mi hanno detto!) a causa dell’aumento della velocità, finalmente riesco postare! Continua la mini-preparazione per i primi veri impegni, (le 5 tappe del Giro del Varesotto). In questo periodo antepongo allenamenti veloci (tanto per rimanere in tema adsl) a quelli di fondo, meno km ma più qualità insomma, visto che le gare stesse hanno caratteristiche veloci essendo brevi (5,5/6,5 km) e completamente su asfalto, anche se alcune sono leggermente collinari.

Lunedì: 10,56 km di lento in compagnia del mio amico Claudio. Media 5’30”/km.

Martedì: Riposo

Mercoledì: 2^ volta in pista, 9,45 km in tutto tra riscaldamento, allunghi e 2*1000 buttati lì così!!! per la prima volta su di una pista col tentativo di scendere sotto i 4’. La pista è strana! Mi sembra di non spingere, di non andare! anche se l’impegno è tanto, sulla strada percepisco maggiormente il senso della velocità; il 1^ chilometro l’ho chiuso in 3’48”, dopo qualche minuto parto per il 2^ e l’ho corro in 3’54”. Un 3^ probabilmente non sarei riuscito a completarlo in un tempo decente! Cmq finisco l’allenamento soddisfatto. Per la prima volta sono sceso sotto i 4’. Oggi ho provato le Mizuno Wave Elixir 3 appena acquistate. Ora tocca alla strada!

Giovedì: 10,35 km di medio su sterrato e poco asfalto (80%/20%). 4’44”/km. Allenante ma tanta fatica per portarlo a termine.

Venerdì: Riposo

Sabato: 8,61 km di lento alla media di 5’29”.

Domenica: Domani, simulazione sulla distanza (5,5/6 km) col passo che dovrei tenere, almeno nella prima tappa, che pare essere quella più veloce.

sabato 9 maggio 2009

Inizio mini tabella!

Oggi ho iniziato la mini preparazione, soft/full-immersion/hot/small/!!! Per arrivare alla prima gara (26 maggio – 5440m) del Giro Podistico del Varesotto con un minimo di efficienza. Le altre tappe (28 maggio e 4/9/12 Giugno) ricalcheranno mediamente come lunghezza questa prima, la più lunga dovrebbe essere l’ultima di Busto Arsizio con i suoi 6400m. Secondo me ho eseguito un buon lavoro (anche se nei 500 avrei potuto e dovuto far meglio, ma sentivo un po le gambe pesanti, forse la prima volta della pista di mercoledì ha lasciato qualche segno, normale!) e spero che la stessa impressione l’abbiate anche voi! Per affrontare il lavoro di oggi mi sono recato nel posto ideale e da me preferito per questi tipi di sedute veloci, a parte la pista...credo! (ripetute miste - 4x200 + 3x300 + 2x400 + 1x500 rec. 2' in souplesse - 4' tra una prova e l'altra - 4,20 km di riscaldamento + 2,52 km di defaticamento).

  • Superficie: asfalto
  • Caratteristiche del percorso: lineare
  • Scarpe: Nike Skylon 11
  • 1) 200 - 40' (3'20")
  • 2) 200 - 41' (3'24")
  • 3) 200 - 40' (3'20")
  • 4) 200 - 38' (3'09")
  • 1) 300 - 1'04" (3'33")
  • 2) 300 - 1'03" (3'30")
  • 3) 300 - 1'02" (3'26")

  • 1) 400 - 1'25" (3'32")
  • 2) 400 - 1'24" (3'30")

  • 1) 500 - 1'52" (3'44")

mercoledì 6 maggio 2009

Prima volta in pista!

Poche righe per dirvi che questa sera ho calcato per la prima volta in vita mia una pista di atletica! Sembravo uno di quei cani che annusa ogni angolo quando viene condotto in un ambiente a lui sconosciuto! Tranne che nel segnare il territorio con la pipi, per il resto ero tale quale!!! Una quindicina di giri sul tappeto elastico e l’impressione che ho ricavato calzando le Skylon è stata che fossero addirittura toppo ammortizzate per il tipo di terreno. 14 giri corsi sempre nelle corsie esterne per saggiare il tutto e non intralciare chi era intento nel proprio lavoro veloce. Poi alla fine ho preso il treno in corsa di un gruppetto formato da tre della società e ho corso il giro di pista in 1’25” a 3’32”/km. Mai corso così veloce, le poche volte che ho fatto ripetute di 400m in strada su percorso in linea, ho corso la frazione più veloce in 1’32” a 3’50”/km. Mi sono divertito molto! Ma una cosa che ho capito è che i muscoli, e di conseguenza la spinta, lavorano in modo differente che sul asfalto e mi ci devo abituare. Da questa sera posso affermare di aver iniziato la mini-preparazione per il Giro Podistico del Varesotto, (la mia prima manifestazione competitiva) che mi vedrà al via nella prima tappa del 26 Maggio di Casorate Sempione sul tracciato misurato di 5 km e 440m.