giovedì 26 febbraio 2009

Ri-costruito...forse!!!

Due giorni che definirei significativi e costruttivi per alcuni motivi: il primo è quello di aver corso 19 km in 48 ore e i miei dolori non sono degenerati, anzi, non devo però perdere la concentrazione per saper leggere in ogni istante qualsiasi segnale venga recapitato dal mio corpo e per non cadere in quel fossato, a volte occultato come uno sparviero Klingon, il quale non vorrei si disoccultasse da un momento all’altro! Un altro motivo è anche quello che ha preso consistenza oggi, 1 h di corsa e 10 km e mezzo di continuo; dalla ripresa è la prima volta. Non sono affaticato più di tanto e inizio a risentire quelle sensazioni di fastidi che arrivano da alcune parti come: polpacci, cosce e glutei; leggeri assestamenti per perfezionare la “macchina” che è poi il nostro fisico. Ma costruttivo soprattutto per alcuni piccoli messaggi recepiti e difficili da far comprendere ma che comunque vanno ad arricchire il mio povero bagaglio podistico. Ho rivalutato alla grande in questo mese le Nimbus 10, le scarpe del ritorno, anche se sono consapevole che con tutto quel gel che hanno sotto e il loro peso (374gr al numero 9) sono, con la loro capacità di ammortizzare gli impatti, sovradimensionate per il mio peso di 58 kg ma mi stanno regalando sicurezza sotto ogni punto di vista e le trovo estremamente comode per i miei piedi. Comunque ho pronte le Gel Stratus 2 sempre della Asics, per quando la mia velocità sarà aumentata, mentre più avanti vorrei sostituire le Nimbus, con le Cumulus 10 o le Landreth 5, ma questa è un’altra storia.
  • Mercoledì: CLS 9 km a 5'23"
  • Giovedì: CL 10,60 km a 5'40"

lunedì 23 febbraio 2009

Piano piano, quatto quatto, lemme lemme ... arrivo!

Inizio di settimana con il mio "personal pace maker" che si sta rilevando un buon compagno di allenamenti, a volte addirittura fin troppo veloce, so ragazzi!!! Oggi avevo in programma nel mio personale percorso di costruzione, un lento di 5 km, dopo i 10 e mezzo di ieri con le brevi e simpatiche variazioni; Claudio dalla sua aveva da correre 30', così alla fine ne ho corsi quasi 6 di kilometri e di minuti ne abbiamo fatti 33. Lui nei 30' in cui ha rilevato il tempo ha siglato un buon 5'44" di media. In queste 2 ultime uscite ho avuto delle buone indicazioni sulla convalescenza, ma non vorrei parlare troppo presto! anzi … fate finta che non vi abbia detto nulla! Domani riposo e stretching, mercoledì e giovedì, 8 km in entrambi i giorni.
Buona settimana di allenamenti a tutti voi!
  • 5,83 km a 5'45"

domenica 22 febbraio 2009

Oggi è passato, domani inizia una nuova settimana!

Sveglia tranquilla questa mattina, ore 7:45. Il bello dell’inverno è questo; dormo di più, non ho l’assillo di correre presto per fuggire alla calura estiva, anzi, più tardi si corre e meno al freddo si rimane!!! Solita colazione: un bel bicchierone d’acqua, poi latte e cereali, addolciti con del buon miele d’acacia e alla fine un flaconcino di Ginseng e Pappa Reale! Buona giornata, (6° e 40% di umidità), di questi tempi e manna. Anche oggi mi aspetta qualche kilometro di corsa lenta di costruzione, ma essendo domenica cerco di rendere più digeribile il tutto con delle piccole e timide divagazioni nel programma. E così seguendo il suggerimento di Furio ho eseguito delle brevi variazioni: 4 kilomtetri di corsa lenta, poi mi sono fermato qualche minuto, dopo un po di stretching sono ripartito e ho effettuato 12x30” di corsa “svegliarella” come da intenzione! all’atto pratico sono venute belle arzille e brillanti, ma che se po fa! eh Uscuru!!! so de coccio!!! intervallate da frazioni da 1’30” di corsa lenta, queste invece mi sono venute perfette, o quasi. È giusto così e ne sono convinto! con la mia anarchia devo dare delle regole precise alla mia corsa, correre a sensazione, per ora, non fa per me! va bene per chi gestisce meglio i propri sforzi e lo fa da anni, conosce le proprie andature e le proprie prestazioni ad occhi chiusi. E poi nel confrontare i tempi e le distanze tra le varie frazioni mi diverte maggiormente. Comunque ho avuto delle buone sensazioni anche se fatico ancora a trovare fluidità nell’azione. Poco fastidio (leggi pubalgia) però mi condiziona ancora. Alla fine di tutto ho raggiunto e superato i 10 km, anche questo è un risultato! Domani inizia una nuova settimana e andiamo avanti fiduciosi.
  • 4 km CL a 5'29"
  • 4,63 km con variazioni 12X30" rec. 1'30" a 5'12"
  • 2,15 km di corsa facile a 5'35"
  • KM settimanali - 29,78

sabato 21 febbraio 2009

Goal Setting: migliorare lavorando per obiettivi

Tempo fa apparse questo articolo su Runnung Passion - www.runningpassion.it - che mi lasciò positivamente impressionato, probabilmente è l'idea di molti! ma la mia in particolare. Probabilmente qui non verrà scoperta l'acqua calda! ma non ne sarei così sicuro! Ora questo articolo vorrei condividerlo con voi, amici blogtrotters, per chi non avesse avuto l'opportunità di leggerlo.

A cura di Roberta Lecchi, psicologa dello sport

Anche se può sembrare strano, ci sono alcuni momenti nella vita di un atleta, in cui è sbagliato, o quanto meno riduttivo, limitarsi a “fare del proprio meglio”. Infatti, uno dei principali metodi per incrementare la propria performance, mantenere alto il livello di impegno e non perdere motivazione è quello di stabilire degli obiettivi personali chiari e precisi.Per una pianificazione efficace degli obiettivi, è bene che ogni corridore conosca bene i propri punti di forza e le aree di miglioramento sui cui è possibile lavorare. Fatto un primo bilancio di queste abilità, si può procedere alla stesura del proprio piano di goal setting.Ma quali sono le regole d’oro del “goal setting”?Creare un piano di goal setting significa fissare degli obiettivi specifici, misurabili, realistici e scanditi nel tempo.Per iniziare può risultare utile costruire una propria tabella di marcia, dove obiettivi, moderatamente difficili, ma realistici, vengono suddivisi in step a breve, medio e lungo termine e dove la scansione temporale faccia riferimento in modo preciso a giorni, settimane, mesi.Questo consentirà, calendario alla mano, di monitorare e verificare nel tempo i propri risultati. La sfida con i propri limiti, la soddisfazione di vedere i progressi fatti sono infatti stimoli al miglioramento impareggiabili per qualsiasi atleta. E poi, la gara non è tutto. Anche se è fuor di dubbio che nulla possa dare più stimoli della competizione in sè, è bene però porsi degli obiettivi anche durante l’allenamento, per migliorarsi, senza la pressione che può derivare dal confronto con gli avversari. L’allenamento costituisce un fondamentale momento di autovalutazione, ideale per mettere alla prova non solo le proprie abilità tecniche, ma anche quelle psicologiche. Tra cui la capacità di porsi obiettivi motivanti, raggiungerli e pensare al traguardo successivo.
Per maggiori informazioni: info@sportinmente.org

giovedì 19 febbraio 2009

Ieri e oggi

Un post veloce per dirvi che ieri e oggi ho completato le due uscite in programma da 7 km e mezzo cadauna, 500m in più del previsto per arrivare fin sotto casa e non camminare troppo con queste temperature vicine allo zero già alle 6 del tardo pomeriggio. Soddisfacenti dal punto di vista complessivo anche se, e qui rischio di ripetermi tutte le volte, fin quando non verrà quel magico giorno in cui mi sentirò bene, anzi più che bene in quella stramaledetta zona pubica/inguinale/addominale/adduttoriale) che porta il nome tecnico di tendinopatia inguino-adduttoriale. Situazione che mi lascia sempre l’amaro in bocca ma che con ottimismo cerco di esorcizzare, cmq è dura ragazzi.
Finisco per relazionarvi sul mio amico (Claudio) che ieri ha condotto a termine i suoi primi 4km e 300m tutti di un fiato a 5’46” di media. Non male per una spina più spina di me!!!
  • Mercoledì: 7,50 km a 5'30"

  • Giovedì: 7,50 km a 5'28"

lunedì 16 febbraio 2009

4 km per iniziare la settimana!

Domani appuntamento quindicinale con l’osteopata per fare il punto della situazione. Oggi intanto ho iniziato la settimana con 4 km correndo facile e accompagnando Claudio nella quarta uscita della seconda settimana del suo percorso podistico. La mia impressione è che rispetto agli inizi di ogni anno, in questo, si trova come forma più avanti, sarà per le temperature stimolanti, rispetto a quelle di Aprile e Maggio? sarà per quei 2 kilozzi in meno? Probabilmente tutte e due le ipotesi sono accettabili! Per quanto mi riguarda (se la parte incriminata del mio fisico me lo consentirà) mercoledì e giovedì conto di fare due sedute da 7 km di costruzione in ognuna.
  • 4 km di corsa facile a 5'50"

domenica 15 febbraio 2009

Prima settimana con 4 uscite!

Prima uscita con Claudio, il mio pace maker del Lunedì, alla faccia!!! Ho dovuto frenarlo! Ai primi 2’ è partito come un razzo!!! Lo scotto del novizio! Le altre frazioni sono andate via regolari, o quasi! Mercoledì e Giovedì ho effettuato due sedute consecutive, le prime dalla ripresa, e devo dire che mi hanno lasciato buone impressioni, addirittura la seconda (che temevo) si è rivelata meglio della prima; la temevo più che altro per lo stato di salute dovuto all’infortunio patito, non tanto per l’allenamento che mi sembra già discreto, almeno per quei pochi kilometri che sto attualmente e giustamente accumulando. Oggi ho fatto il primo allenamento inserendo delle variazioni, mai fatte nemmeno prima della pubalgia. Mi sono divertito e soprattutto constatato la situazione sui due fronti: infortunio e forma fisica; sul primo, come dicevo nel mini-post precedente, in settimana ho avuto buone sensazioni, confermate oggi anche con dei cambi di ritmo, certo! sono ancora lontano dal dire di essere guarito, il dolorino rimane, la parte dx comprendente: pube, inguine, addominali bassi, adduttori e anca è sempre un po affaticata, come se ci fossero il lavori in corso!!! Ma comunque non mi posso lamentare assolutamente, riesco a correre in maniera sufficientemente sciolta. Per quanto riguarda l’altro fronte, la forma fisica, anche qui ci sono i lavori in corso, direi appena iniziati e la fine dell’opera è assai lontana, ma il progetto è ben definito!!! Come dicevo, oggi ho fatto delle variazioni, così articolate: 6X1’ con recupero di 2’ di corsa lenta. Le frazioni veloci (non a tutto foo ma diciamo in maniera più che brillante, azzardo un 80%, anche perché in caso contrario non sarei riuscito a farne 6 di rip.) mi sono venute così: (4’25” - 4’24” – 4’28” – 4’06” – 4’17” – 4’04”) mentre quelle lenti (5’32” – 5’45” – 5’37” – 5’40” – 5’35” – 5’48”). Mi sembrano buone, no? La media totale è risultata di 5'07"/km.
Sono ad 1 mese dai primi 3 km corsi come test a gennaio. Domani inizio la settimana con una seduta rigenerante (per me) ma comunque allenante, soprattutto per Claudio, seguendo la tabella che lui sta attuando, direi anche con soddisfazione, per ora!!! Un bel 10’ X 2 con una camminata di 2’ nel mezzo. Ciao ragazzi.
  • Lun: 3.12 km - corsa facile a 5'58"

  • Mar: 35' di Stretching

  • Mer: 6 km - CL a 5'30"

  • Gio: 6.58 km - CL a 5'30"

  • Ven: Riposo

  • Sab: 40' di Stretching

  • Dom: 3.65 km - CL a 5'29" + variazioni - 6x1' rec. 2' (Totale: 3.52 km a 5'07") + 2 km - def. a 5'35" + 40' di stretching oggi pomeriggio.
  • KM settimanali: 24.87

sabato 14 febbraio 2009

Quattro righe per dirvi che ...

... ultimamente latito dal blog! Ma non nel seguirvi e commentare i vostri! Mi mancano gli argomenti? Forse! Sto organizzando le mie settimane podistiche dopo la ripresa. Posso dire comunque che va meglio, diciamo un “meglio” sereno e convincente! Domani quarta uscita settimanale, accennerò durante la corsa lenta, alcuni minuti improntati a velocizzare il ritmo e mirati a testare la mia situazione di salute (infortunio) e fisica (allenamento)! Domani sarò più esplicito portando anche dei dati. Buone gare e buoni allenamenti a tutti!

domenica 8 febbraio 2009

Stimolante, divertente e soprattutto rigenerante!!!

Ore 8 - Buona colazione (latte, cereali integrali e miele). Ore 10 - Buona temperatura (6° - visto le precedenti!!!), brutta umidità (90%) e buone sensazioni! Ed è quel che conta! Ho aumentato leggermente, tempo e distanza; nel contempo ho cercato di mantenere l’andatura soddisfacente di Giovedì; ci sono riuscito o quasi, visto che sono stato leggermente più veloce oggi. Buone sensazioni perché da qualche giorno e soprattutto durante la corsa il fastidio è diminuito sensibilmente; questa risulta essere la prima sensibile diminuzione dal 18 Gennaio ad oggi (7 uscite). Nelle precedenti 6 il dolore è sempre rimasto simile come intensità. Vedremo se questo è un buon segno o se è solo un attimo di tregua! Ma soprattutto constateremo nelle prossime ore se a riposo il dolore ritornerà tale! Piano piano, ritrovo anche fiato e gambe, anche se la mente ritorna alla forma che avevo raggiunto prima di bloccarmi e a quella che avrei potuto raggiungere col tempo! Capisco che la strada è molto, ma molto lunga!!! Tutto ciò però è stimolante e divertente, ma soprattutto rigenerante!!!
  • 7 km - 5'28"/km

mercoledì 4 febbraio 2009

Sotto voce iniziamo ad aumentare! ma al Lunedì...

In completa sintonia con Ivan (l’osteopata) aumenterò gradualmente: uscite e kilometraggi. Oggi sono tornato al parco cittadino di Legnano, da dove, avevo iniziato a muovere i primi passi 10 mesi or sono. Leggera pioggia e freddo moderato. Parco semi/deserto con la sola presenza di qualche irriducibile coppietta giovanile, ma soprattutto di alcuni runners (3/4), tali da non farmi sentire l’unico sportivo in mezzo a centinaia di scoiattoli che hanno dimora tra gli alberi. L’intenzione è quella di aumentare di 1 km o di 5’ ad ogni seduta. Almeno per tutto il mese di Febbraio, ricostruendomi la resistenza aerobica con i lenti, questa volta fatti come si deve! La novità è che da Lunedì avrò un compagno di viaggio; Claudio, amico fraterno di lunga data, nonché collega di lavoro. E’ il quarto anno che ci riprova, normalmente verso aprile, indossate le scarpe con dei buoni propositi, inizia la procedura standard di chi, da quasi sedentario scopre la corsa per i più disparati motivi: qualche chiletto da buttar giù o per rimettersi in forma in vista delle consuete scorribande montanare, e così: 1’ di cammino e 1’ di corsa, 2’ di cammino e 2’ di corsa ecc ecc ecc. Con questo iter ho cominciato pure io. Ad Agosto poi, i buoni propositi di Claudio si infrangono immancabilmente contro la volontà di continuare verso le stagioni meno invitanti per allegre sgambate. Quest’anno però, investito, a volte anche un po stressato dalla mia passione quotidiana, ha deciso di anticipare l’entrata in scena, e aggiungo io, chissà che non continui oltre quello scoglio stagionale! Vedremo! La cosa comunque mi rende naturalmente felice, oltre che per la compagnia del lunedì, (gli altri giorni non si associano a causa dei rispettivi impegni) anche per il fatto che avrò una lepre al contrario, o un pacer maker, fate voi! Mi accoderò al suo ritmo e fotocopierò il suo allenamento. Sarà la volta buona che correrò un bel lento rigenerante!!! Il lunedì, dopo la domenica, quando normalmente eseguo l’allenamento più impegnativo della settimana. Grazie Claudio, amico mio!!!
  • oggi: 34' a 5'35"/km

domenica 1 febbraio 2009

Ri-costruzione dal 26/1 al 1/2 e Lento "trovato"!

Neve! Tv e internet concordi nell'annunciare per oggi la perturbazione nevosa che investirà Piemonte e Lombardia. Allora approfittando di qualche circostanza favorevole ho anticipato a ieri, sabato pomeriggio, l’uscita che avrei dovuto fare questa mattina. La seconda della settimana dopo quella di mercoledì. Positivo è il fatto che lentamente sto migliorando dal problema della pubalgia, anche se molto lentamente. Positivo è anche, il fatto di aver trovato il ritmo giusto, quel lento che avrei dovuto scoprire l’anno scorso e che sarebbe servito per migliorarmi ulteriormente e forse mi avrebbe preservato dalla situazione attuale. Nei 6 mesi che ho corso ho praticamente svolto le mie uscite sempre a ritmi medi e medi veloci; se rallentavo quei 20/30” al km credevo di essere fermo!!! perché? Perché così mi andava, perché mi faceva star bene, ero soddisfatto e mi sentivo forte alla fine di ogni corsa, perché quello che facevo lo interpretavo come una corsa contro il tempo, in tutti i sensi! Ore, minuti e secondi, ma anche contro i miei anni, convinto di dover recuperare terreno sui chi era più giovane o su chi aveva iniziato a correre prima di me. Dico corsa e non allenamento, perché in pratica non mi allenavo, ma correvo, correvo e basta, correvo perché mi piaceva farlo e perché mi piaceva andar forte, sempre naturalmente nelle mie possibilità. Ci si allena per qualcosa, per una gara, ma le gare non mi interessavano! Mi interessava correre e basta, la solitudine della corsa, il confronto con gli altri non mi affascinava, io e il tempo, l’unica vera adrenalina che mi catturava veramente.


Allenamento è un termine serio! È una parola grossa! Il criterio rende l’allenamento tale, la consapevolezza in quello che si esegue lo rende realmente acquisibile; quanti credono di allenarsi ed invece corrono e basta? O forse l’unico maldestro degli “atleti-pippe”, detta alla Luciano Er Califfo, sono io?

Credo comunque che non tutto il male viene per nuocere e così sono convinto che la pubalgia mi lascerà in dote la consapevolezza e la volontà di introdurre nelle mie sedute finalmente un vero lento, degno di tale termine. Consapevolezza di non cadere negli stessi errori che mi hanno condotto allo stop; e volontà, unita all’opportunismo, l'opportunità di non poter andare molto più forte di quanto vada attualmente. Rimanere concentrato, sempre, sulla frequenza dei passi e sul respiro facile, tutto qui! semplice! Ma per me ostico fino a “ieri”; visto che mi sembrava di correre solo se andavo in affanno e vedevo scorrere veloce gli alberi e i marciapiedi al mio fianco.
Ora, l’unico mio dubbio e preoccupazione è che in futuro, quando mi sarò ristabilito completamente, negherò tutto quello che di saggio ho acquisito in questi mesi di stop e che qui vi ho enunciato, e che ritornerò ad interpretare la corsa come se questa mia presa di coscienza non fosse reale e genuina, conoscendomi, il rischio esiste!

  • Lun: Ozono Terapia, la terza e probabilmente l'ultima.
  • Mar: Stretching
  • Mer: CL 5 km a 5'40"/km
  • Gio: Stretching
  • Ven: Niente
  • Sab: Stretching al mattino + CL 5 km a 5'39"/km nel pomerigggio
  • Dom: Stretching