lunedì 30 marzo 2009

Iniziamo a fare qualcosa di concreto!

8 chilometri e poco più di fondo lento rigenerante, consuetudine del lunedì ma soprattutto di oggi! Dopo il botto di ieri con le ripetute 4x1000, analizzando e scorporando i 14 km totali dell’allenamento, svolti tra l'altro sotto l'acqua fitta e qualche folata di vento quasi sempre contrario, chissà perché poi, ho scoperto che sono stato veloce come non lo sono mai stato da quando ho iniziato a correre: (1/3/5/10 km) i tempi li trovate nella colonna a dx del blog. Questo succede quando si fanno certi tipi di allenamenti senza avere dei parametri da rispettare se non quello di rendere al meglio, cioè andare più forte quanto ci è possibile. Certo che se penso che 2 mesi e mezzo fa ... iniziavo a corricchiare dopo essere stato fermo per altretanti 2 mesi e qualche giorno ... !!! Ora seguirò i consigli del Califfo e per 2 mesi farò solo lenti, medi, fartlek e progressivi. Nel frattempo parteciperò a qualche non competitiva, poi da Giugno inizierò ad inserire le ripetute di volta in volta mirate al test che voglio fare (3/5/10km) sarà così per 3 mesi fino ad arrivare ai primi di settembre con tutto quello che mi serve per affrontare la tabella che mi porterà ad esordire nella mezza maratona di fine mese. Come dicevo oggi corsa rigenerante e mi è servita anche per valutare quel dolore al tallone avvertito ieri quasi alla fine dell’allenamento, tutto sommato il fastidio e minimo quando corro mentre paradossalmente lo avverto maggiormente quando sono alla guida e quando cammino, soprattutto con le scarpe che uso al lavoro. Cmq per sentirmi tranquillo ho usato la morbidezza affossante delle poltrone “made in Vomero”, insomma sono andato sul sicuro, essendo soprattutto loro le scarpe che conosco meglio. Questa sera doccia fredda e trattamento Voltaren. Domani mattina inizio poi una cura di 10gg di Supradyn, il multivitaminico. Arriva la primavera, quella vera, e non voglio trovarmi impreparato!

  • Oggi: FLR 8,31 a 5'41"

domenica 29 marzo 2009

Scarpe bagnate, scarpe fortunate!!!

Domenica giorno di lavori qualitativi, almeno per questo periodo. Oggi avevo l’intenzione di fare delle ripetute 6x500+500 ma visto le condizioni meteo non proprio idonee per questo tipo di corsa su strade pozzanghifere, pioggia insistente e venticello mica male! ho optato per un più tranquillo 4x1000 rec. 3’. Considerando anche che avrei “bagnato”, ed è proprio il caso di dirlo, le mie nuove Saucony, “scarpa bagnata scarpa fortunata”, riprendendo il vecchio detto della sposa! Cmq è stato meglio così, riflettendo adesso credo sia più utile questo tipo distanza soprattutto dopo aver fatto le 6x400 domenica scorsa. Sono soddisfatto, non mi aspettavo questi tempi, a dire la verità in questo periodo non mi aspetto nulla, non ho punti di riferimento e visto i lavori, per me nuovi che sto realizzando, ogni volta è una scoperta. Sono contento anche delle scarpe, sono partito con il diktat che al primo segnale di sofferenza avrei rallentato e se necessario ritornato all’ovile ma ciò non è successo, anzi mi sono trovato immediatamente a mio agio, non voglio enfatizzare troppo ma tra quelle avute finora, e nonostante la mia giovane carriera ne ho a sufficienza di scarpe, queste sono risultate le migliori al primo contatto. L’unico problemino accusato negli ultimi due km è stato un fastidio al tallone sx, ma siccome di questi tempi non faccio un’uscita senza catalogare un problema fisico diverso, non mi preoccupo più di tanto, il fisico si sta abituando alla sofferenza e la mia mente a convivere con lei; doccia fredda e piede a bagnomaria per 5’ in acqua gelida. L’inghippo pubalgistico mi ha insegnato anche ad essere (nei limiti del possibile) medico di me stesso. Stando così le cose credo che depositerò in un ripostiglio le Asics: Nimbus e Stratus, le Mizuno già le uso da “passeggio” e con le Vomero ci farò quei 400/450 km che mancano per mandarle gloriosamente in pensione. Nel frattempo le Saucony mi sosterranno nei lenti, medi e ripetute lunghe. Ah ragazzi dimenticavo!!! Ieri con l’acquisto delle scarpe ho avuto un buon da 50euri da sottrarre sulla prossima spesa che farò, che dite, faccio mie anche le SKYLON ROSSE? Quello che dice Micio a commento del post precedente è sicuramente molto saggio; “Le Saucony (prorio le tue) ne ho fatte fuori 3 paia: ho corso tutte le mezze e le maratone (2+2) finora a parte l'ultima (Skylon). Sono ottime e adatte al tuo grado di corsa. Per le Skylon aspetta ancora qualche mese e poi procedi ...” testimoniando così la bontà del mio acquisto, del resto come han fatto pure Kikko, Franchino e the yogi sul valore delle Saucony in generale. Se tre diversi modelli hanno lasciato soddisfatti i loro runners ci sarà un motivo! In effetti la prima mezza che vorrei fare è a fine Settembre, però intanto le userei solamente per le ripetute brevi e qualche test sulle distanze corte 3/5/10km, in questo modo le avrò ben rodate e conosciute meglio che non comprarle a ridosso di tali impegni. Ringrazio anche Lucky e lo stesso Micio per avermi messo in guardia sulle Stratus, in effetti qualche dubbio l’ho avuto pure io e di km glielo fatti fare solo 55. Uscuru!!! Guardami negli occhi! Sicuro che le scarpe del tuo amico fossero le stesse? Presumi? La gamma di scarpe Saucony è varia!!! Grande Uscuru!!! Alberto, tutte le scarpe sono buone! e pure belle, ma sono i piedi che cambiano e abbiamo il dovere di trovare quelle che “loro” preferiscono! Se vogliamo che ci portino ovunque e al meglio! Simone e Anita avete fatto dei buoni acquisti? Giancarlo e Franchino! sarà fatto.

PS. ancora una volta ho fatto casino col Garmin, così ho riportato sulla tabella (per non metterne due) i dati mancanti.

sabato 28 marzo 2009

Nuove scarpe!

Saucony Progrid Triumph 5
Questa mattina sono andato allo Sport Specialist, la famosa catena di negozi del nord Italia, Da qualche mese ne hanno aperto uno a 7 km da casa mia e allora eccomi pronto a fargli visita. Nuovo paio di scarpe, uguali a quelle nella foto, questa volta non ho comprato a naso o per sentito dire come ho fatto fino ad ora alla Decathlon, negozio dove non mi sono mai fidato dei consigli dei venditori di turno che probabilmente ne sanno quanto o forse meno di me. Vomero2+, il primo acquisto, (575 km) comode e morbide, forse troppo ma che cmq ho rispolverato alla grande questa settimana per il lenti rinunciando alle Nimbus 10 (305 km) troppo pesanti e rigide (374g) per i miei 57kg addirittura sovradimensionate. Le secche Fortis Mizuno ora le metto tutti i giorni per andare al lavoro, in questo sono molto comode!!! Le Asics Gel Stratus 2 (326g – 9) sono buone, sufficientemente ammortizzate, comode e flessibili ma non mi convincono per le lunghe distanze; infatti saranno il terzo paio che userò da ora in avanti e saranno in ballottaggio con quelle nuove per i lavori veloci. Il marchio Saucony mi ha sempre stuzzicato, forse perché anche era la marca che finora mancava dal mio parco scarpe. Devo dire che le prime impressioni sono ottime, qui mi fermo per non espormi troppo prima di averle testate sul campo, cmq la prima sensazione è quella di una scarpa che abbina le qualità di comfort delle Nike con la precisione delle Asics. Poi un dato da non trascurare e che è quello che mi fatto decidere di comprarle, è il peso, approfittando anche del mio di peso che mi consente di avere una scarpa leggera e ammortizzata anche in allenamento e credo che quest’anno la utilizzerò anche nelle mezze, 308g (8,5) per una A3 non sono pizza e fichi.
2 rilievi per la cronaca: il primo è che ho provato per sfizio le Skylon 11 rosse, ma devo dire, probabilmente non abituato a delle A2, che non mi hanno del tutto convinto. Per secondo che i venditori (2) erano ragazze e per giunta runner e carine!!!

Prima di andare a fare shopping ho concluso la settimana con 8,41 km di Fondo lento. I chilometri settimanali sono stati 54,97.

giovedì 26 marzo 2009

Allenamento dopo allenamento!

I tre allenamenti in questa settimana fino ad ora sono stati proficui anche se ho dovuto far fronte a qualche problemino dolorifico, ora che al 90% posso affermare di essere uscito da tunnel della pubalgia. Il 19 e il 26 aprile finalmente incomincerò a correre le non competitive della zona, la prima di 20 km e la seconda di 12. Non vedo l’ora!!!

Lunedì: 10 km di fondo lento a 5’27” e mi si presenta subito dai primi metri un fastidio alla caviglia sx che cmq rimane tale per tutto il tempo, un leggero dolore, forse un retaggio delle ripetute del giorno prima!

Martedì: riposo, stretching ed esercizi vari.

Mercoledì: 15 km di corsa lunga svelta a 5’18” e il dolore alla caviglia ora è appena accennato, sparendo addirittura alla fine dell’allenamento ma mi si accentua il solito tiraggio della coscia dx, dolore che ha inizio dal gluteo. Tutto ciò però non mi impedisce di correre degnamente.

Giovedì: 10,86 km di fondo medio a 5’06” ripetendo qualche salitella presente nel parco. Sensazioni buone come quelle del giorno prima se non fosse per questi fastidi che però ormai ci convivo, soprattutto dopo il botto della pubalgia non mi intimoriscono più di tanto, cmq mi condizionano un poco! Non corro sciolto come vorrei!

IN PROGRAMMA
Venerdì:
riposo assoluto.

Sabato: 8 km di fondo lento + stretching + esercizi al pomeriggio.

Domenica: Ripetute 6x500+500 al ritmo che deciderò in base allo stato fisico.

PS: la foto non c'entra nulla ma mi piaceva!!!

domenica 22 marzo 2009

Freddo ma tutto bello!

Bella mattina, fredda ma bella, 0 gradi alle 7 e 30 nel momento in cui sono uscito di casa per iniziare l’allenamento, ma che il sole di inizio primavera ha via via riscaldato. Bella mattina sportiva perché oltre a correre, che è sempre bello, al ritorno mentre mi rifocillavo con la meritata colazione ho potuto ammirare lo spettacolo di Roma alla tv. Oggi avevo programmato seguendo la mia tabella istintiva e non scritta, un primo e vero lavoro qualitativo dopo il progressivo di domenica scorsa; ripetute brevi, 6x400 con recupero di 2’ camminando, si lo so, non sono molte ma è tanto per iniziare e soprattutto testare le mie attitudini a questa tipologia di allenamento, mai fatta prima o solo accennata e pure male! A dire la verità le ripetute sono state 7 perché facendo casino col Garmin mi sono perso la prima, esempio di una situazione per me ancora da scoprire avendo usato pochissime volte queste funzioni del gps. Considerando le poche ripetute da fare, ho creduto giusto spingere il ritmo optando per il recupero camminando, mai fatto prima, nemmeno in quelle rare volte che mi sono confrontato con un simile lavoro. E devo dire che sono rimasto soddisfatto anche se le ho portate a termine faticando un po, tenendo presente anche la condizione fin qui raggiunta e l’esordio. 3,45 km di riscaldamento (nel vero senso della parola, visto la temperatura) a 5’13”, seguito dalle ripetute, nella tabella ho cancellato i recuperi camminati, terminando poi con altri 3,81 km a 5’01”; a casa puntuale per la partenza della maratona di Roma.

sabato 21 marzo 2009

Con un pensiero a Roma!!!

Bene ragazzi, questa settimana scoccava il secondo mese dal rientro e oggi ho introdotto una quinta uscita settimanale, soft di chilometri e brillante di ritmo. Quella de sabato sarà comunque, e come giusto che sia soprattutto a questo punto del mio percorso, un far girare le gambe e con pochi chilometri. Per ora e se sarà il caso diminuirò leggermente il chilometraggio settimanale ma preferisco a parità di km essere impegnato fisicamente e mentalmente 5 su 7. Il giorno di riposo di ieri mi ha ridato brillantezza dopo i 28 km in due giorni fatti in settimana, settimana iniziata con un buon lavoro di progressione svolto su 15 km in frazioni da 3, terminato con l’ultima a 4’30”/km. Lunedì il solito e buon lento rigenerante di 8 km con Claudio, mercoledì 16 km, il più faticoso anche se non il più impegnativo, quello di domenica lo era maggiormente, faticoso per averlo svolto tra le stradine nervose del Parco Castello e portato a termine con una buona media (5’05”/km). Causa logistica, la mia settimana la posso programmare in questo modo: lunedì rigenerante, mercoledì il lungo, visto poi che per quest’anno i miei obiettivi sono le mezze, non farò mai grossi chilometraggi (22/24), giovedì lento, sabato corto medio e domenica lavoro di qualità, questo è il giorno in cui posso raggiungere le zone dove trovo quasi le condizioni della pista. I freddi numeri (ma a me piacciono un casino!!!) e il resto dei dati completi li avete già letti o li leggerete nella tabella sopra.

Fronte acciacchi e situazione fisica: PUBALGIA, punge un po. Sciatalgia: sotto controllo. Schiena, OK. Polpacci, OK. Tendini, OK. Quadricipiti, OK: Piedi, OK:
Ora svolgo tre volte la settimana dello stretching mirato per la pubalgia e gli adduttori, ma anche globale, oltre a curare con attenzione quello che è la problematica che per noi podisti rappresenta a volte un serio problema soprattutto quando si macinano molti chilometri e si rimane molte ore sulle gambe ed è la schiena, svolgendo esercizi di allungamenti e rilassando la parte interessata, anche su consiglio del mio osteopata.

Ora vorrei inviare un grosso augurio a tutti gli amici blogger che domani saranno impegnanti in quel di Roma e sostenerli nelle loro speranze, aspettative e convinzioni. Per quanto mi riguarda, domani uscita di buon mattino per poi essere alle 9 davanti al televisore a seguire lo spettacolo delle 15000 persone lodevoli e dai sani principi, cercando di scovare, perché no! qualche mitico e “sano” GLOBTROTTERS!!!

giovedì 19 marzo 2009

Mattone dopo mattone...

Come un architetto progetto e come un manovale giorno dopo giorno costruisco il mio futuro da runner, o almeno ci provo! In questo periodo dove la maggioranza dei blogtotters sono alle prese con le preparazioni fisiche ma anche logistiche delle loro gare imminenti (vedi Roma e StraMilano), i lavori dalle mie parti continuano, sto usando dei buoni materiali e spero sia sufficiente per rendere la costruzione a prova di cataclisma. La pubalgia piano piano si allontana ma porca la miseriaccia, ora (leggi, qualche settimana) sono alle prese con una presunta sciatalgia che mi condiziona leggermente, ma sufficiente per non farmi correre come vorrei, supereremo anche questa, soprattutto perché posso correre comunque, e gli acciacchi si sconfiggono meglio combattendoli con le armi a noi più gradite e cioè la corsa. Tra ieri e oggi ho messo in cascina un buon numero di chilometri, anche se oggi ho accusato un po di stanchezza nel lento, ma ieri ho fatto proprio un bel allenamento sostenuto, sia nella lunghezza che nel ritmo, tenendo conto dello stato attuale, domani si riposa.
  • Mercoledì: 16 km a 5'05"

  • Giovedì: 12 km a 5'32"

lunedì 16 marzo 2009

Il lunedì tranquillo!

Oggi allenamento tranquillo al parco Castello, anche se non posso considerarlo rigenerante come avevo anticipato sul post di ieri. Claudio sta diventando un pace maker troppo veloce per aiutarmi a fare un certo tipo di lavoro, il ragazzo viaggiava a 5’20”/5’25/km, (venerdì proverà i sui primi 10 km) e secondo me troppo veloce anche per lui! Mi sembra di vedere il sottoscritto qualche mese fa!!! L’intenzione mia era di assestarmi sui 5’35”/5’40”, così al 5° km lo lasciato andare alla sua mezzora di corsa e mi sono portato su dei ritmi più consoni al mio lavoro giornaliero! Comunque ho terminato gli 8 km con una media di 5’30”, per me questa rappresenta ora un ritmo lento piuttosto di un correre facile, una via di mezzo, diciamo!
Bel tardo/pomeriggio tiepido e il parco legnanese inizia a popolarsi di runners e frequentatori vari.

domenica 15 marzo 2009

Una bella giornata!


Oggi cambiamento delle abitudini, almeno di quelle prese dopo lo stop pubalgistico! Le giornate e il clima ormai lo consentono. Uscita a digiuno (1 bicchierone d’acqua e un caffè con mezzo cucchiaino di miele) e lauta colazione al rientro a base di fette biscottate (3) col miele, latte, cereali integrali, muesli e uno yogurt. Ore 7.30, leggero stretching, ore 7:37 inizio il "lavoro"! Quello bello, quello desiderato, quello magico, la droga della natura, (io e Mathias ci riforniamo dallo stesso spacciatore) insomma…la corsa!!! Ieri pomeriggio l’ispirazione su come avrei vissuto oggi i miei minuti di gloria solitaria; “solo”! con il mio mondo, le mie gambe, il mio respiro, le mie ansie e le mie piccole soddisfazioni. 15 chilometri come domenica scorsa, per tutto il mese non voglio aumentare il chilometraggio; la variante? Un progressivo composto da 5x3000. Il percorso è quello di casa, bello e vario, leggermente collinare ma soprattutto stradaaaa, la mia amata strada (la Road degli States!!! Magari!!!). Nel silenzio e nel profumo delle 8 di mattina della domenica. Allenamento buono, non credevo potesse esserlo in questi termini, visto le condizioni generali ancora al 50/60%, e tutte quelle remore che mi porto ancora appresso, alcune forse di testa e altre, quelle fisiche, più reali. Ho iniziato con l’idea concreta di fare un allenamento saggio senza cadere nella mia vecchia tentazione di snaturarlo e così è stato, ho spinto solo l’ultima frazione, correndo fluido e progressivo evitando strappi forse deleteri per il mio livello globale e attuale. Alla fine sono soddisfatto, domani 8 km che ormai potrei definirli di rigenerazione, poi sfoglierò la mia tabella “non scritta” per ora e credo per tutto marzo! A questo proposito vorrei lanciare un appello per chi se la sentisse di aiutarmi ad imbastire una prima tabella (faccio qualche nome? ma nooo dai! accetto tutte le “dritte” anche se a qualcuno forse gli fischiano le orecchie). Una mia idea sarebbe quella di via via allenarmi per affrontare e concretizzare con dei test sui 3/5/10 km le mie prestazioni, per poi stilare la tabella, avendo i vari ritmi, che mi porterà a correre la prima mezza a settembre. Grazie a tutti! Giovedì intanto ho terminato la settimana con 48 km all’attivo.

venerdì 13 marzo 2009

Trovare dei bei percorsi

Tenendo fede alla mia tabella “non scritta” credo sia figlia del metodo Katzen, ieri (giovedì) ho corso ad un ritmo più lento del giorno prima (5’/km) aumentando però di 2 chilometri, 14, e spingendo ma senza boccheggiare come è buona abitudine l’ultimo chilometro. Da cornice abituale in questo periodo, il parco di Legnano che sviluppa nel percorso più lungo 1750m. Non male per un parco cittadino, se non fosse per le stradine a volte troppo piccole per accogliere insieme: runner, passeggiatori comuni, mamme coi bambini, ragazzi vari e per fortuna solo qualche bicicletta. Allora cerco di evitare tutto ciò integrando i giri all’interno con delle uscite per le strade che circondano il parco stesso. Evitando quella noia del ripetere più volte i stessi metri, come dice Mathias, nemica di tutti i runners. Causa lavoro, traffici urbani e logistiche varie, questo luogo per me rimane il più pratico e accessibile durante la settimana. Di domenica invece si cambia musica e frequento la zona di casa, orfana di buona parte della mandria motorizzata e dove posso trovare delle belle strade immerse nel verde. Con l’arrivo della bella stagione incomincerò anche a frequentare il parco del Ticino (25 km di macchina) con le sue numerose alternative, e lì è veramente un piacere correrci.

mercoledì 11 marzo 2009

Altri Kilometri


Dopo i 7 kilometri di lunedì a ritmo tranquillo (5’31”), oggi la mia personale tabella di rientro, non scritta, prevedeva 12 km più brillanti (4’59”/km) con l’ultimo in spinta (4’39”), compatibilmente con gli handicap e il mio stato attuale. Le riflessioni sugli handicap sono queste: il vento mi sballottava da una parte all’altra! Correre al parco di Legnano non aiuta certo ad avere ritmi regolari (curve strette e leggeri saliscendi), inoltre per questi stessi motivi, impegna maggiormente nel tenere certe andature che normalmente realizzo su strade normali. Ecco perché correre in questo contesto lo ritengo allenante per la mia costruzione. Domani altri 12 km ad un ritmo più lento.

domenica 8 marzo 2009

Dai che arriva la primavera!

Mattinata bellissima, dopo due giorni di pioggia, il vento di ieri che ha sloggiato il grigiore dell’ultimo periodo, finalmente oggi una parvenza di primavera. 10 gradi nell’istante che ho iniziato a correre. Convinto dello sviluppo odierno del mio allenamento e con la mente rivolta in direzione del Lago Maggiore in quel di Stresa, dove una buona parte di bloggers si sarebbero cimentati da li a poco in una bella mezza maratona concludendo poi con un bel blogpoint mangiareccio! Per tornare a me, sono soddisfatto di quello che ho fatto, ho aumentato ancora un po il chilometraggio e il ritmo: 15 km a 5’00”/km, con l’ultimo impegnato in 4’27”. Ho scoperto un nuovo e bel percorso vicino a casa, poco traffico, molto verde a cingere la strada asfaltata e leggermente ondulato, probabilmente il più nervoso che si possa trovare qui da me, il mio “collinare” di casa insomma! Non ultimo ho ceduto anch’io al fascino di Sport Tracks e di Garmin Training Center, quest’ultimo scaricato direttamente dal sito della Garmin. Li sto studiando tutte e due! Poco fa sul sito della TDS e con i numeri dei pettorali elencati da Furio sul suo blog, ho visionato le performance di tutti i Bloggers! Grandi!!!
  • KM SETTIMANALI - 46,35

giovedì 5 marzo 2009

Ora sono un Runner completo!!!

Eh si la pubalgia in qualche modo mi ha fatto saltare a piè pari il periodo invernale che quest’anno è stato particolarmente rigido: freddo, neve, vento e pioggia. In pratica da maggio dell’anno scorso, mese in cui iniziai a correre non ero mai incappato in giornate simili a quelle che mi hanno visto in azione in questi due giorni. Ieri e oggi finalmente ho vissuto anch’io la situazione di correre sotto una pioggia battente. Devo dire che la cosa mi ha pure divertito! Però adesso speriamo arrivi la primavera!!! Sapete, non vorrei prenderci troppo gusto!!! Senza parlare delle mie povere Nimbus che leggere non sono, e che da gr 375, a fine corsa messe sul bilancino di grammi ne pesavano 440, in questo periodo troppo per me. CMQ due giorni buoni e mi sento sempre meglio! Certo che oggi l’acqua in bocca non manca!!!
  • Mercoledì: 12 km a 5'18"/km

  • Giovedì: 12,75 km a 5'14"/km

lunedì 2 marzo 2009

Dopo una domenica positiva per tutti!

Post veloce per un’uscita veloce, quella del lunedì con Claudio. Oggi è stata la 20^ volta dal 18 gennaio, giorno del ritorno alla corsa. Mentre molti amici bloggers vivono in queste ore il dopo-gara da vincenti, comunque sia andata! Bravi tutti! Io ho mosso ancora un piccolo passo verso quella luce che ogni tanto viene oscurata da qualche ramo mosso dal vento, ma niente paura, mi sono già munito di motosega!!! Domani giorno di riposo e dedicato allo stretching.


  • 6,60 km a 5'34"

domenica 1 marzo 2009

Ricostruito? diciamo che vedo una luce in fondo!!!

Una leggera pioggia ha salutato il mio allenamento della domenica, quello più rilassato, quello più sereno, insomma quello più bello! 8 gradi, si comincia ragionare anche se l’umidità con queste giornate è sempre alta (85%). Dopo una lauta colazione (ore 7) con 6 fette biscottate arricchite col miele, un bicchiere di latte caldo e acqua a sufficienza per il periodo, inizio (ore 8,45) con il solito leggero (solo prima di correre) stretching casalingo con l’aggiunta questa volta di un esercizio per scaldare al meglio il tutto, carrozzeria e motore. Con la collaborazione di un mobile di casa, e non ridete!!! questa è una delle parti positive dell’essere single! Eseguo per 5’ un sali e scendi alternando le gambe proprio come in alcuni centri sportivi fanno fare all’aspirante atleta alla ricerca dell’idoneità sportiva. L’esercizio mi carica il fiato e i muscoli delle gambe, ok sono pronto per uscire. Il mio personalissimo programma prevedeva per oggi 1 h di corsa o 11/12 km con l’ultimo moderatamente veloce. Probabilmente l’essermi preparato e riscaldato adeguatamente ha stimolato la mia corsa e quello che inizialmente credevo fosse e voleva esserlo un’andatura da riscaldamento, il primo lap del Garmin mi sveglia e mi sussurra che trattasi di un 4’56”, acc!!! dico io!!! Ho pensato a Furio e il suo commento sull’essere saggi! Ho tirato subito le redini del ronzino sotto di me e ho rallentato il necessario. In questo periodo non mi perdo nelle nomenclature delle mie varie velocità, per il semplice motivo che da una settimana all’altra si modificano come normale che sia. Fra 3/4 mesi quando la preparazione sarà a buon punto e avrò iniziato ad impegnarmi in qualche test su 3km/5km /10km /1h, avrò un quadro quasi reale delle mie andature di questi primi 6 mesi dell’anno. Allora potrò parlare di lento, medio e veloce. Penso che quella di oggi potrebbe essere definita alla fine una corsa lunga svelta. Discorso pubalgia, leggermente meglio dell’ultimo leggermente meglio!!! Ma ragazzi!!! Acqua in bocca eh!!!
  • 12 km CLS a 5'15" - ultimo km in 4'38"

  • KM SETTIMANALI 37,90