sabato 13 giugno 2009

E' stato bello ma faticoso!


Lo sport a volte è fin troppo prevedibile! Dopo una vittoria arriva immancabilmente una sconfitta, dopo una buona prestazione ecco una discreta che ti apre gli occhi. Ieri sera si è concluso il giro del Varesotto, il mio primo impegno competitivo, ma dopo la bella prestazione di Cassano Magnago quella di Busto Arsizio è stata una gara sofferta. Il contorno è da grandi eventi poditici, l’opportunità di correre nelle vie centrali di una città di 100.000 abitanti è già di per sè fonte di una buona riuscita, se poi aggiungiamo la perfetta o quasi, organizzazione dell’Atletica S. Marco, il risultato non può essere che positivo. Il percorso l’ho trovato invece bruttino, troppe curve, troppi marciapiedi, poco scorrevole, alla faccia di chi lo aveva presentato come un percorso veloce! Credo che non sia sufficiente il terreno pianeggiante per renderlo tale. Cmq il bello dello sport e delle gare è anche questo, mettere alla prova le proprie capacità anche in quelle situazioni che non ci convincono del tutto.
Ritornando alla mia prestazione, posso dire che probabilmente ho pagato dazio per la gara di 3 giorni fa dove avevo dato tutto; sotto l’acqua e su di un percorso di paese, questa sera con un clima e in un contesto nettamente differente, caldo e tra i palazzi, le gambe mi hanno lasciato del tutto, quasi subito. Durante i km di riscaldamento ho avvertito la stranezza della mia condizione; quadricipiti di marmo e gambe stanche. Devo aggiungere anche a mia discolpa, che secondo me, 5 gare così tirate nel giro di 17 giorni (ogni 3,5gg) hanno messo alla prova il mio allenamento ancora approssimativo. L’unica nota positiva l’incontro con Beppe” Giuseppe Bollini, ottimo e simpatico atleta della Runners Valbossa, (15esimo assoluto della generale e 5^ nella sua categotia, ci siamo conosciuti tramite i nostri blog, veloce stretta di mano e breve scambio di impressioni e poi ognuno verso il suo destino; alla prossima Beppe!!! con più tranquillità!


La gara: 1^K in 4’08”, mi posiziono grosso modo nello stesso punto di partenza dell’ultima volta, le facce sono quelle, ma questa volta sembra che anche loro non vogliano scappar via. Nel 2^K avverto già una sensazione di stanchezza e chiudo in 4’21”. 3’K idem, non riesco a riprendermi e segno un 4’19”. 4^K in 4’18”, linea piatta! Nel 5^ ho una piccola reazione e lo corro in 4’11” ma poi all’inizio del 6^ rallento ancora per poi ritrovarmi un pochino negli ultimi 500/600m. Il 6^K in 4’28” e gli ultimi 300m in 4’25”. Fine del calvario!!! Media totale sui 6300m 4’18”/km. Oggi riposo assoluto, domani domenica non ho ancora deciso cosa fare! Cmq mi aspetta una settimana di scarico, venerdì appuntamento in pista con i 5000 per una gara del campionato sociale e la cosa mi galvanizza. Poi il 10 luglio un’altra scarica di adrenalina con la Jackpot Run di Magnago (MI), gara che si svolge su di un percorso velocissimo di 5705m. Finalmente poi dovrei concentrarmi sulla preparazione delle mezze autunnali.

Classifica generale: 214esimo (443 arrivati)
Classifica di categoria: 38esimo (70 arrivati)
Classifica generale di società: 25esimo (38 arrivati)
Classifica di categoria di società: 5^ (8 arrivati)
Media generale 4’13”/km

8 commenti:

Lucky73 ha detto...

Credo che come prima gara competitiva tu possa essere più che soddisfatto ...

Dopo l'infortunio ti sei allenato molto bene, ma ora ci vuole esperienza - Nonostante la poca esperienza hai fatto 5 Gare in 17 giorni posizionandoti nella prima metà ...ora potrai solo migliorare!

Ora scarica e poi sono curioso sul 5.000 che devi correre in pista!

Diego ha detto...

Ti sei difeso alla grande !

Playbeppe ha detto...

Ciao Daniele!
E' normalissimo alla 5a tappa di un circuito così veloce come il Giro che si senta affiorare la stanchezza, ti posso garantire che non è colpa dell'allenamento approssimativo!!
Poi una giornata storta può capitare a tutti (a me a Cassano...) ma l'importante è non mollare!
Continua così e l'anno prossimo son sicuro che ti vedrò molto più in alto in classifica.
A presto.

Danirunner ha detto...

Grazie ragazzi!

LUCKY qualche dritta per i miei primi 5000 in pista? Per approssimativo intendo dire che dopo nemmeno 1 anno che corro e con la sosta forzata dovuta alla pubalgia di 3 mesi e mezzo, ora sono trascorsi 5 mesi dalla ripresa, la mia forma la misuro ancora a spanne!!! e cmq sono soddisfatto, ci mancherebbe!

DIEGO
Ecco bravo più che offendere mi sono difeso, forse tranne nella penultima tappa, sotto la pioggia! che sia io uno che va forte sul bagnato? ah ah ah

BEPPE
Hai ragione, ieri sera ero proprio stanco! Grazie per l'augurio, spero anch'io l'anno prossimo di finire più in alto nella classifica generale; poi pensa!!! passerò alla MM50 e avrò qualche possibilità in più di ben figurare! Almeno credo!

GIAN CARLO ha detto...

Ogni tanto bisogna rinunciare ad attaccare

Alberto Bressan "Pasteo" ha detto...

Nelle ultime 3 settimane si é passati dal caldo soffocante a temperature fresche per non dire fredde...poi pioggia a go go e adesso ancora afa! Nel totale penso che sia stato un Giro positivo per te...poi come hai detto tu dopo belle prestazioni capita di farne qualcuna sottotono.

Lucky73 ha detto...

Lo scorso anno corsi in 20.26 partendo forte per attaccare subito i 20 minuti ....

Se stai bene potresti puntare decisamente ai 20 minuti.

Devi solo decidere se partire forte e ridurre i danni o partire piano e andare via in progressione. Io partirei forte.

Il 5.000 te lo giochi tutto sul 4° chilometro ......quello è il km CHIAVE di tutto!

Per come sono io partirei subito a 1.36 a giro anche meno e poi? vabbè poi si vedrà ....

:-)))

the yogi ha detto...

torno adesso da una gara a tappe e posso capirti benissimo.... in questi casi dovremmo saperci gestire senza spremerci al massimo, ma è più facile a dirsi.... :)