domenica 26 luglio 2009

Ottimo allenamento e allegra serata!


Grazie Beppe per avermi segnalato e poi convinto ad essere presente alla Camminata di S.Anna a Besozzo, 31^ edizione, che tra le altre cose è stato anche il mio esordio al Piede d’Oro.

Di gare fino ad ora ne ho fatte pochissime (1^ anno di carriera!!!); contando il 5000 in pista nella gara sociale di Busto Arsizio, ieri sera era la 12^ volta che mi accingevo a vivere quei 30/40 minuti ricchi di quella miscela particolare composta di fatica e adrenalina, e che dall’inizio alla fine ti regalano sensazioni particolari.

Senz’altro delle 12 è stata la più bella, non tanto per la mia prestazione cronometrica, 151^ su 500 partenti, 37’03” per completare gli 8 chilometri e 130 metri segnalati dal mio gps e con una media di 4’33”/km, ma per la bellezza del tracciato, panoramico e non certamente monotono; duro al punto giusto ma senza sfiorare il masochismo di alcune gare dalle pendenze improponibili (anche se leggendo lo Sport Tracks scopro un 18,5% al culmine della parte più tosta!), che per il sottoscritto, varesotto di pianura, morfologicamente parlando, ma anche e soprattutto per gusti personali, cultore del piano stradale e delle famose road americane stile Forrest Gump, sarebbe stato eccessivo.

Mi sono presentato a Besozzo non certamente per rincorrere il “fantastico 4” ma per affrontare le caratteristiche di un allenamento che manca al mio bagaglio podistico, le salite.
E le salite ci sono state: brevi e lunghe, dalle pendenze normali a quelle più ostiche. Le temevo! Ma alla fine mi sono scoperto e con soddisfazione, più malleabile a questi ostacoli di percorso, che per il mio convincimento podistico sono messi lì solo per rallentare la corsa esaltante dell’atleta, che non a quello che ne consegue. Mi sono stupito nel constatare che al primo accenno di cambio di pendenza vero, persone che viaggiavano fin lì col mio passo (4’10”) si siano subito messi a camminare, senza nemmeno tentare una parvenza di corsa a passi brevi e cadenzati, come dovrebbe essere affrontata una simile caratteristica del tracciato per chi non ha nelle gambe andature più competitive.
Non bisogna essere certo una fonte di intelligenza nel capire che se una competizione non viene classificata come gara di sola salita che per tornare al punto di partenza ci siano pure le discese, e che discese! Come diceva Battisti, “le risalite e le discese ardite”, vero spauracchio di tutti i runners, ecco quelle mi hanno lasciato il segno, questa mattina i quadricipiti si sono svegliati un attimino affaticati, ma cmq nella normalità degli acciacchi di chi corre con le proprie gambe e soprattutto non frequentatore abituale di certi percorsi.

Bene! Ora inizia quel periodo che per la maggioranza degli italiani rappresenta il riposo tanto meritato dopo l’anno di lavoro, e da quello che sentivo nel consueto “salamella party” a proposito! (comunicazione interna per l’amico Beppe) ma non ci dovrebbe essere il pasta party nel dopo di una gara? La quasi maggioranza dei podisti si ritaglierà così anche un periodo di relax dalle fatiche corsaiole.
Per quanto mi riguarda invece inizia un periodo di lavoro duro fatto di salite e di qualche gara extra territoriale (in Piemonte il Gamba d’oro non si ferma) e poi forse! a meta Agosto inoltre potrei prendere il via ad una gara affascinante e dura allo steso tempo, ma non svelo ancora nulla anche se qualcuno potrebbe immaginarlo! Vediamo come vanno questi 20gg che la precedono.

Come ad Arsago Seprio il dopo corsa l’ho vissuto in allegra compagnia di Beppe (ieri 9^ all’arrivo, fruitore alla fine di un "bel premio" e sempre più Piede d’Oro) e degli amici dei Runners Quinzano, chiacchierando e disquisendo sui vari aspetti e problematiche del nostro mondo sportivo. Ma dov’era Mario?

Per la cronaca della corsa, quella vera! fatta dai primi, per la classifica, quella che conta, oltre alle impressioni personali sulla serata di Besozzo, dirottatevi nel blog di BEPPE - Giuseppe BOLLINI!
Senza dimenticare le news e le classifiche pubblicate da Matteo Raimondi, Antonio Puricelli sul sito dell’Atletica Casorate e di Antonio Capasso sul suo blog.
Mentre per il reportage fotografico della gara servitevi del blog della Runners Quinzano.
Concludo con una piccola critica alla mia società: A.R.C. Busto Arsizio e agli atleti stessi! ieri sera era gara sociale, bene! eravamo in 4! pare che lo sapessi solamente io! Inoltre non era presente nessuno a ufficializzare il tutto! Calendario Giugno-Luglio recapitato via mail e ulteriore avviso sempre via mail 10gg fa … ma probabilmente molti non hanno internet!!!
Alla prossima

6 commenti:

Playbeppe ha detto...

Ciao Daniele! Adesso che hai subito anche "l'iniziazione" al piede d'Oro, spero di vederti a qualche altra gara del calendario!
P.S. io una mezza idea ce l'ho sulla gara affascinante e dura a cui potresti prendere il via! ;-)
A presto!
Ciaoooo

Danirunner ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Danirunner ha detto...

PLAYBEPPE
Certo che ne farò altre! e sono anche certo che la tua mezza idea sulla gara a cui potrei prendere parte sia da considerare senz'altro intera!!!
Salvo imprevisti!!!

Playbeppe ha detto...

Alla fine ieri poi mi son dimenticato di chiedertelo:
come ti sei trovato con le Adizero Boston?

Danirunner ha detto...

Stesse sensazioni delle CS! un guanto leggermente più ammortizzato e più protettivo nella parte posteriore.
Credo che per il mio passo attuale siano da preferire anche su queste distanze brevi. Certamente sulla mezza! Le CS sarebbero ok in pista.

Anonimo ha detto...

Perche non:)